Differenze tra le versioni di "Confederación Nacional del Trabajo"

m
nessun oggetto della modifica
(Aggiunto paragrafo "Organizzazione e funzionamento")
m
La '''Confederación Nacional del Trabajo''', notonota anche con l'[[acronimo]] '''CNT''', è una confederazione di [[sindacato|sindacati]] [[anarchia|anarchici]] [[Spagna|spagnoli]].
[[File:Logo_CNT.jpg|thumb|Bandiera di CNT]]
 
La CNT nacque nel [[1910]] con l'obiettivo di costituire una grande forza [[Libertarismo|libertaria]] che si opponesse al sindacato allora maggioritario, la socialista [[Unión General de Trabajadores]] (UGT). Si formò dal gruppo catalano ''Solidaridad Obrera'' ossia ''solidarietà operaia'', sorto nel [[1906]].
 
Nel [[1911]] vi fu il primo congresso, nel quale fu annunciatoproclamato uno sciopero generale; a causa di ciò, la CNT fu dichiarata illegale fino al [[1914]]. Nel [[1916]] iniziò un dialogo con l'UGT, che portò a uno sciopero generale, al quale collaborarono entrambe le associazioni, nel [[1917]]. I rapporti si solidificarono e nel secondo congresso, nel [[1919]], da qualcuno emerse l'idea di unire i due sindacati per unire la classe lavoratrice. Fu anche approvata una temporanea alleanza con la Terza Internazionale, ma quest'alleanza si ruppe subito dopo il viaggio del presidente della CNT in [[Russia]], nel [[1922]].
 
Nel [[1918]] vi fu la crisi dell'industria in [[Catalogna]] e migliaia di lavoratori s'iscrissero alla CNT. Per contrastare questa nuova forza che il sindacato aveva raggiunto, molti capitalisti pagarono dei sicari per ucciderne i dirigenti. Nel [[1923]] salì al potere il dittatore [[Miguel Primo de Rivera]] e la CNT fu costretta ad agire in clandestinità. In quel periodo emersero diversi dissidi tra gli anarchici che nel [[1927]] avevano costituito la [[Federación Anarquista Ibérica]], [[Federación Anarquista Ibérica|FAI]], per preservare i principi libertari del sindacato e i moderati.
 
Dopo la caduta della monarchia vi fu un iniziale appoggio alla seconda repubblica, che andò diminuendo nel periodo tra il [[1931]] e [[1933]] per gli scontri costanti con le autorità repubblicane. Il nucleo principale della CNT si trovava in [[Catalogna]], ma guadagnava sempre più terreno in altre regioni, quali [[Aragona]] (dove era più forte dell'UGT) e [[Andalusia]]. A Madrid nella notte tra l'11 e il 12 maggio 1931, scoppiarono violenti tumulti guidati dagli anarchici quasi tutti inquadrati nella ''Confederación Nacional del Trabajo''<ref>Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag. 40</ref> e furono assalite ed incendiate numerose chiese, monasteri ed edifici religiosi a [[Madrid]]. Andò completamente distrutta la chiesa gesuita di Calle de la flor<ref>Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag. 38</ref>.
Poi i tumulti scoppiarono anche in altre zone della Spagna come a [[Malaga]].
 
 
=== Clandestinità e attualità ===
Nel [[1939]] con la ''Ley de responsabilidades políticas ''(Legge delle responsabilità politiche) la CNT fu illegalizzatadichiarata illegale e fu espropriata dei sui beni; immobili, materiali, veicoli, conti bancari, aziende collettivizzate e documentazione. In quel momento la CNT contava con un milione di iscritti e l'infrastruttura che la sopportavasosteneva era ampliaampia.
 
La CNT continuò la sua attività in modo clandestino dentro il territorio spagnolo durante il regime di [[Francisco Franco]].
 
Con la morte di Franco nel novembre del [[1975]] ed l'inizio della [[Transizione spagnola|Transizione]], la CNT celebrò il suo primo congresso dal [[1936]] così come diversi meetingincontri pubblici. Tra questi il più rilevante si tenne a [[Montjuic]] in provincia di [[Barcellona]].
 
InquestoIn questo primo congresso, celebrato nel 1979 a [[Madrid]], un gruppo minoritario si scinde dall'organizzazione e si chiameráchiamerà ''CNT Congreso de Valencia ''(in referenzariferimento al Congresso alternativo realizzato in questa città) e posteriormentesuccessivamente cambiò il nome in CGT. Le ragioni che portarono alla scissione risiedonoconsistono nel cambio di direzione politica presoassunto dalla CGT, che decide di accettare i fondi statali destinati ai sindacati, di partecipare alle elezioni sindacali e di riconoscere la figura professionale dedel sindacalista.
 
Nel [[2010]] s'è svolto il 10º congresso durante il quale la CNT ha festeggiato i suoi 100 anni di vita. Tuttora continua a partecipare attivamente al [[movimento operaio]] spagnolo basandosi nei principi dell'[[autogestione]] e del federalismo anarchico.
== Organizzazione e funzionamento ==
 
La CNT è una confederazione di sindacati autonomi che condividono le idee e le pratiche [[Anarcosindacalismo|anarcosidacaliste]]. I sindacati si costituiscono considerando il settore di produzione del lavoratore e non la professione svolta. Il loro campo di azione è limitato dentroall'interno aldel comune in cui si è costituito. Il numero minimo per poter formare un sindacato è di 25 persone, e nel caso in cui non sia formato il sindacato di un certo settore di produzione dentroall'interno del comune, i lavoratori si affiliano ina un sindacato generale, chiamato Sindicato de Oficios Varios.
 
Ogni sindacato svolge le proprie riunioni in assemblea e prende le decisioni con il metodo della [[democrazia diretta]] e del [[Metodo del consenso|consenso]]. Dentro delal sindacato i lavoratori di una stessa azienda possono formare una Sezione Sindacale, che gode di una certa autonomia rispetto al sindacato.
 
L'insieme dei sindacati dello stesso comune costituisce la Federazione Locale e si coordina attraverso il Comitato Locale. L'insieme delle Federazioni Locali dentro dellanella stessa regione costituisce la Federazione Regionale e si coordina attraverso il Comitato Regionale. L'insieme delle Federazioni Regionali compone la Confederazione Nazionale, anch'essa costituita da un Comitato per poter gestire e riportare le decisioni prese dalle Federazioni Regionali.
 
Tutti i Comitati presenti nell'organizzazione non hanno potere decisionale, ma svolgono i compiti di amministrazione e di relazionecollegamento con le altre componenti dell'organizzazione.
 
== Il periodico ==
 
[http://www.cnt.es/periodico CNT] è il periodico ufficiale ed il principale mezzo di espressione dell'organizzazione, approvato nel ''III Congreso de Madrid'' del [[1931]] e pubblicato per la prima volta il 14 novembre del [[1932]]. Ha una periodicità mensile, è composto da 32 pagine dadi quattro colonne in bianco e nero, ad eccezione della prima pagina ed altre pagine speciale all'interno.
 
Tra le sezioni del periodico si trovano: [[Sindacalismo]], Economia, Attualità, Esteri, Memoria Storicastorica, Cultura, Opinioni ede Agenda.
 
I contenuti sono pubblicati con la licenza [[Creative Commons]], aderendo ai periodici che promuovono il [[copyleft]].
123 113

contributi