Differenze tra le versioni di "Organismo pluricellulare"

→‎Storia evolutiva: aggiusto link
m (Annullate le modifiche di 37.226.92.28 (discussione), riportata alla versione precedente di 151.76.169.84)
(→‎Storia evolutiva: aggiusto link)
Il più antico organismo pluricellulare tassonomicamente definito è un'[[Rhodophyta|alga rossa]], la ''[[Bangiomorpha pubescens]]'', trovata fossilizzata in una roccia di 1,2 miliardi di anni, risalente al periodo [[ectasiano]] dell'era [[Mesoproterozoico|mesoproterozoica]].<ref>[http://paleobiol.geoscienceworld.org/cgi/content/abstract/26/3/386 Bangiomorpha pubescens n. gen., n. sp.: implications for the evolution of sex, multicellularity, and the Mesoproterozoic/Neoproterozoic radiation of eukaryotes<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>
 
Al fine di riprodursi, i veri organismi pluricellulari devono risolvere il problema di rigenerare un intero organismo dalle [[gamete|cellule germinaligametiche]] (cioè gli [[spermatozoo|spermatozoi]] per il maschio e gli [[Ovulo (gamete)|ovuli]] per le femmine), una materia studiata nella [[biologia dello sviluppo]]. Pertanto, si pensa che lo sviluppo della [[riproduzione|riproduzione sessuale]] negli organismi unicellulari durante il periodo ectasiano abbia affrettato lo sviluppo e l'ascesa della vita pluricellulare.
 
Gli organismi pluricellulari devono affrontare anche il rischio del [[Cancro (malattia)|cancro]], che si verifica quando le cellule non riescono a regolare la loro crescita entro i normali parametri di sviluppo.
302

contributi