Apri il menu principale

Modifiche

350 byte aggiunti ,  5 anni fa
Agg.rif.bibliografico
 
==Avvertenze==
''Interruzione della terapia'': la sospensione del trattamento con atenololo deve avvenire in maniera graduale per ridurre il rischio di sintomi rebound quali esacerbazione dell’[[angina pectoris]], [[infarto miocardico]], morte improvvisa, tachicardia maligna; sono stati osservati anche [[tremore]] e [[sudorazione]]. In vivo la somministrazione cronica di atenololo (e di propranololo) è stata associata ad un aumento della densità dei recettori beta 1 adrenergici (up regulation recettoriale) responsabili degli effetti rebound quando la terapia farmacologica è interrotta bruscamente.<ref name="pmid11527109">{{Cita pubblicazione | cognome = Haeusler | nome = G. | coautori = | titolo = Pharmacology of beta-blockers: classical aspects and recent developments. | rivista = J Cardiovasc Pharmacol | volume = 16 Suppl 5 | numero = | pagine = S1-9 | mese = | anno = 1990 | doi = | id = PMID 11527109 }}</ref><ref name="pmid16920085">{{Cita pubblicazione | cognome = Ohkuma | nome = S. et| alcoautori = M., Katsura; M. Shibasaki; A. Tsujimura; M. Hirouchi | titolo = Expression of beta-adrenergic receptor up-regulation is mediated by two different processes. | rivista = Brain Research,Res 2006,| volume = 1112, | numero = 1 | pagine = 114-25 | mese = Set | anno = 2006 | doi = 10.1016/j.brainres.2006.06.107 | id = PMID 16920085 }}</ref>.
Gli effetti cardiaci rebound come la tachicardia, si manifestano entro 1-2 giorni dalla sospensione del farmaco, sono massimi dopo 4-8 giorni e si risolvono in circa due settimane.<ref name="pmid6114739">{{Cita pubblicazione | cognome = Ross | nome = PJ. | coautori = MJ. Lewis; DJ. Sheridan; AH. Henderson | titolo = Adrenergic hypersensitivity after beta-blocker withdrawal. | rivista = Br Heart J | volume = 45 | numero = 6 | pagine = 637-42 | mese = Giu | anno = 1981 | doi = | id = PMID 6114739 }}</ref>