Apri il menu principale

Modifiche

287 byte aggiunti ,  5 anni fa
Agg.rif.bibliografico
 
== Effetti collaterali ==
In corso di trattamento si sono registrati disturbi gastrointestinali ([[dispepsia]], [[secchezza delle fauci]], [[nausea]], [[diarrea]], [[costipazione]], meno frequentemente epatite colestatica)<ref name="pmid2773903">{{Cita pubblicazione | cognome = Schwartz | nome = MS. | coautori = MS. Frank; A. Yanoff; R. Morecki | titolo = Atenolol-associated cholestasis. | rivista = Am J Gastroenterol | volume = 84 | numero = 9 | pagine = 1084-6 | mese = Set | anno = 1989 | doi = | id = PMID 2773903 }}</ref><ref name="pmid7603264">{{Cita pubblicazione | cognome = Yusuf | nome = SW. | coautori = RM. Mishra | titolo = Hepatic dysfunction associated with atenolol. | rivista = Lancet | volume = 346 | numero = 8968 | pagine = 192 | mese = Lug | anno = 1995 | doi = | id = PMID 7603264 }}</ref> e a carico dell'apparato cardiovascolare (in particolare [[bradicardia]], [[ipotensione ortostatica]] talvolta associata a [[Sincope (medicina)|sincope]], sensazione di freddo alle estremità degli arti).
Nei soggetti affetti da [[insufficienza cardiaca]] il farmaco può peggiorare la funzionalità del miocardio mentre in quelli affetti da angina di [[Prinzmetal]] può aumentare il numero e la durata delle crisi anginose tramite [[vasocostrizione]] arteriosa coronarica mediata dagli [[alfa recettori]].
Nei pazienti con storia di disturbi della circolazione periferica (ad esempio una [[arteriopatia obliterante periferica]]) atenololo può comportare un peggioramento dei sintomi. La riduzione dell’output cardiaco indotto dal farmaco tende infatti ad aumentare la stimolazione dei recettori alfa adrenergici esasperando la sintomatologia. Può così comparire o peggiorare una preesistente [[sindrome di Raynaud]] o verificarsi una [[claudicatio intermittens]].