Temperatura efficace: differenze tra le versioni

→‎Descrizione: Precisazione
(correggo {{Cita ...}})
(→‎Descrizione: Precisazione)
==Descrizione==
 
Ovviamente una stella non è un corpo nero, ma il suo spettro può essere confrontato con quello di un corpo nero a cui sono sovrapposte diverse linee di assorbimento. Le linee di assorbimento sono dovute alle transizioni atomiche (e molecolari, nelle stelle più fredde) degli elementi presenti nell'atmosfera della stella stessa. Poiché lo spettro di una stella può essere approssimativamente rapportato a quello di un corpo nero, è conveniente definire la temperatura effettiva come la temperatura che avrebbe un corpo nero con la stessa luminosità per unità di area della stella. Vi è da aggiungere che il Sole, in realtà, rispetto ad un ipotetico corpo nero con la stessa temperatura effettiva ha picchi maggiormente tendenti alle frequenze blu dello spettro visibile e , facendo le debite contestualizzazioni , emette meno nell'ultravioletto invisibile .
 
La temperatura effettiva è definita in accordo con la [[legge di Stefan-Boltzmann]] <math>\mathcal{F}_{Bol}=\sigma T_{eff}^4</math>.
Utente anonimo