Differenze tra le versioni di "René Pleven"

nessun oggetto della modifica
Durante la [[seconda guerra mondiale]], dopo l'invasione tedesca della Francia e l'[[Conferimento dei pieni poteri a Philippe Pétain|assunzione dei poteri da parte del Maresciallo Pétain]], lasciò la Francia e riparò a Londra, dove divenne uno tra i più stretti collaboratori del generale [[De Gaulle]]. Dopo aver ottenuto il riavvicinamento dell'[[Africa equatoriale francese]] alla [[Francia libera]] ed aver organizzato e presieduto la conferenza di Brazzaville, nel settembre [[1944]] fu nominato ministro delle Colonie e successivamente anche ministro della Finanze fino al 1946. Fu poi ministro della Difesa nel governo [[Georges Bidault|Bidault]] tra il [[1949]] ed il [[1950]].
 
È stato una prima volta [[Presidente del Consiglio (Francia)|Presidente del Consiglio della Francia]] dal 12 luglio [[1950]] al 10 marzo [[1951]], nel periodo della nascita della [[Comunità europea di difesa]] e della [[Guerra d'Indocina|disfatta in Indocina]]. Viene ricordato anche perché il 24 ottobre 1950 in un discorso pubblico fu il primo a proporre la creazione di un [[Forze armate dell'Unione europea|esercito europeo]] <ref>B. P. Boschesi, ''Storia della guerra fredda'', Arnoldo Mondadori Editore, 1977, pag. 28.</ref>, noto come ''piano Pleven''.
 
È stato una seconda volta [[Presidente del Consiglio (Francia)|Presidente del Consiglio della Francia]] dall'11 agosto [[1951]] al 20 gennaio [[1952]]. Fu in seguito ripetutamente ministro della Difesa tra il [[1952]] ed il [[1954]] e poi ministro degli Esteri nel [[1958]].