Differenze tra le versioni di "Tradizione (Chiesa cattolica)"

m
Bot: Markup immagini (v. richiesta)
m (Bot: Markup immagini (v. richiesta))
{{Nota disambigua|il testo antico attribuito a [[Ippolito di Roma]]|[[Tradizione apostolica]]}}
 
{{QuoteCitazione|Nei primi trent’anni della vita della Chiesa, non vi fu che la Tradizione, ovvero la testimonianza e l’insegnamento degli apostoli. La Tradizione cattolica non è altro che l’insegnamento di Gesù tramandato agli Apostoli e da loro ritrasmesso di generazione in generazione|[[Roberto de Mattei]], ''Apologia della Tradizione''}}
 
Il termine '''Tradizione''' o '''Sacra Tradizione''', nell'ambito della [[Chiesa cattolica]], indica la trasmissione di notizie e fatti riguardanti la [[fede]], avvenuta dapprima solo oralmente e poi conservata anche in forma scritta. Fa parte delle modalità di trasmissione della [[Rivelazione]] o del ''[[Deposito della fede|Depositum fidei]]'' della [[Chiesa cattolica]], unitamente con le [[Sacre Scritture]] e il [[Magistero della Chiesa]].
 
== Tradizione divina, apostolica ed ecclesiastiche ==
[[File:Deposito della fede.jpg|thumb|500pxupright=2.3|La tradizione all'interno della trasmissione del [[deposito della fede]].]]
 
La tradizione si può distinguere in divina, apostolica oppure in ecclesiastica in base alla sua origine:<ref name= "catholic.encyclopedia"/>
=== Il Concilio Vaticano II ===
Nella [[costituzione dogmatica]] ''[[Dei Verbum]]'' ([[1965]]) emanata dal [[Concilio Vaticano II]] e riguardante la rivelazione, al numero 7 si afferma che:
{{quotecitazione|7. La trasmissione del vangelo, secondo il comando del Signore, è stata fatta in due modi: oralmente dagli apostoli, i quali nella predicazione orale, negli esempi e nelle istituzioni trasmisero ciò che o avevano ricevuto dalla bocca, dalla vita in comune e dalle opere di Cristo, o avevano imparato per suggerimento dello Spirito Santo; per iscritto, da quegli apostoli e uomini della loro cerchia, i quali, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo, misero in iscritto l'annunzio della salvezza.}}
 
Ancora, al numero successivo, si ribadisce l'esistenza di una distinzione tra tradizione e scrittura:
{{quotecitazione|8. La predicazione apostolica, espressa in modo speciale nei libri ispirati, doveva essere conservata con successione continua fino alla fine dei tempi. Questa trasmissione viva, compiuta nello Spirito Santo, è chiamata Tradizione, in quanto è distinta dalla Sacra Scrittura, sebbene sia ad essa strettamente legata. Per suo tramite la Chiesa, nella sua dottrina, nella sua vita e nel suo culto, perpetua e trasmette a tutte le generazioni, tutto ciò che essa è, tutto ciò che essa crede. Le asserzioni dei santi Padri attestano la vivificante presenza di questa Tradizione, le cui ricchezze sono trasfuse nella pratica e nella vita della Chiesa che crede e che prega.}}
 
Pur essendo diverse, tra tradizione e scrittura vi è però unione e complementarità:
{{quotecitazione|9. La sacra Tradizione dunque e la sacra Scrittura sono strettamente congiunte e comunicanti tra loro. Poiché ambedue scaturiscono dalla stessa divina sorgente, esse formano in certo qual modo un tutto e tendono allo stesso fine. Infatti la sacra Scrittura è la parola di Dio in quanto consegnata per iscritto per ispirazione dello Spirito divino; quanto alla sacra Tradizione, essa trasmette integralmente la parola di Dio – affidata da Cristo Signore e dallo Spirito Santo agli apostoli – ai loro successori, affinché, illuminati dallo Spirito di verità, con la loro predicazione fedelmente la conservino, la espongano e la diffondano; ne risulta così che la Chiesa attinge la certezza su tutte le cose rivelate non dalla sola Scrittura e che di conseguenza l'una e l'altra devono essere accettate e venerate con pari sentimento di pietà e riverenza.}}
 
== La tradizione nel Nuovo Testamento ==
Il concetto della tradizione apostolica compare anche nel [[Nuovo Testamento]], nella [[seconda lettera ai Tessalonicesi]] di [[san Paolo]], con le espressioni "insegnamenti trasmessi" e "insegnamento ricevuto", come le istruzioni che gli apostoli hanno avuto da Gesù. Paolo conferisce in questo caso il medesimo valore a ciò che insegna scrivendo e a ciò che ha insegnato a viva voce. Allo stesso modo la Chiesa cattolica conferisce il medesimo valore a ciò che ha ricevuto da Cristo a viva voce per mezzo degli apostoli e a ciò che ha ricevuto mediante la Scrittura:
{{QuoteCitazione|Così dunque, fratelli, state saldi e ritenete gli insegnamenti che vi abbiamo trasmessi sia con la parola, sia con una nostra lettera. Fratelli, vi ordiniamo nel nome del nostro Signore Gesù Cristo che vi ritiriate da ogni fratello che si comporta disordinatamente e non secondo l'insegnamento che avete ricevuto da noi.|[[Seconda lettera ai Tessalonicesi|2 Tessalonicesi]] 2:15; 3:6}}
 
== Note ==
2 716 391

contributi