ʿUmar al-Tilmisānī: differenze tra le versioni

m
Bot: Markup immagini (v. richiesta)
m (Bot: rimozione campi VIAF, LCCN migrati a Wikidata: d:q1858439)
m (Bot: Markup immagini (v. richiesta))
|PostNazionalità =
}}
[[Immagine:Omar El-Telmesani.jpg|thumb|right|250px|ʿUmar al-Tilmisānī]]
 
ʿUmar al-Tilmisānī (talora scritto Omar el Telmesany o in altri modi ancora) è stato la 3^ Guida Generale (''Murshid al-ʿĀm'') dell'organizzazione dei [[Fratelli Musulmani]], che egli ha guidato dal 1972 al 1986. Al-Tilmisani (''nisba'' che trae origine dalla città [[Algeria|algerina]] di [[Tlemcen]] - in [[Lingua araba|arabo]] ''Tilimsan'' - e che indica il luogo d'origine della sua famiglia) condusse l'organizzazione (nata in [[Egitto]] ma ramificata in numerose parti del mondo arabo) durante un periodo storico caratterizzato da uno spirito di confronti civile, anziché da un aspro e violento scontro, come quello che contrassegnò gli anni precedenti. Benché i Fratelli non fossero precisamente legalizzati durante il mandato di Tilmisani, essi furono tollerati dal regime del Presidente Sadat, assai più preoccupato semmai a colpire l'opposizione della sinistra [[Gamal Abd al-Nasser|nasseriana]] e [[Comunismo|comunista]] e quella dei [[Fondamentalismo islamico|fondamentalisti]] (definiti dai media "islamisti"), considerati assai più pericolosi per i livelli di straordinaria violenza che riuscivano talora a esprimere.
3 186 238

contributi