Differenze tra le versioni di "Regimini Ecclesiae universae"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori)
La [[Costituzione apostolica]] '''''Regimini Ecclesiae universae''''', datata 15 agosto [[1967]], è stata promulgata dal [[papa Paolo VI]], con lo scopo di riformare la [[Curia romana]].
 
Ispirata al [[Concilio Ecumenico Vaticano II|Concilio Vaticano II]] che chiedeva un [[Ermeneutica del Concilio Vaticano II|profondo rinnovamento]] degli organismi centrali della [[Santa Sede]], essa tende a informare l'attività dei [[Congregazione (Curia romana)|dicasteri]] curiali a criteri pastorali; a mettere in atto la [[collegialità episcopale]] nel governo della chiesa; a rendere la composizione della [[Curia romana]] più internazionale (per esempio, vi inserisce anche [[vescovo|vescovi]] residenziali) e ad attuare un'innovazione strutturale molto importante con l'istituzione – accanto agli organi amministrativi – di nuovi organismi per il dialogo della [[Chiesa cattolica|Chiesa]] con il mondo.
 
La Costituzione apostolica è importante anche sotto l'aspetto strettamente amministrativo, in quanto sopprime alcuni dicasteri non più necessari, definisce e delimita meglio le competenze dei singoli organi, stabilisce il modo del coordinamento dell'attività dei vari dicasteri.
636

contributi