Differenze tra le versioni di "Titolo cardinalizio"

m
* ''Praxedis'', oggi [[Santa_Prassede_(titolo_cardinalizio)|Santa Prassede]]
* ''Pudentis'', oggi [[Santa_Pudenziana_(titolo_cardinalizio)| Santa Pudenziana]]
* ''Eusebii'', oggi [[Sant%27Eusebio_'Eusebio_(titolo_cardinalizio)|Sant'Eusebio]]
* ''Vestinae'', oggi [[Santi_Vitale,_Valeria,_Gervasio_e_Protasio_(titolo_cardinalizio)|Santi Vitale, Valeria, Gervasio e Protasio]]
* ''Gaii'', oggi [[Santa_Susanna_(titolo_cardinalizio)|Santa Susanna]]
* ''Damasi'', oggi [[San_Lorenzo_in_Damaso_(titolo_cardinalizio)| San Lorenzo in Damaso]]
* ''Marci'' o ''Iuxta Pallacina'', oggi [[San_Marco_(titolo_cardinalizio)|San Marco]]
* ''Anastasiae'', oggi [[Sant%27Anastasia_'Anastasia_(titolo_cardinalizio)|Sant'Anastasia]]
* ''Fasciolae'', oggi [[Santi_Nereo_e_Achilleo_(titolo_cardinalizio)| Santi Nereo e Achilleo]]
* ''Balbinae'' o ''[[Tigridae]]'', oggi [[Santa_Balbina_(titolo_cardinalizio)|Santa Balbina]]
* ''Chrysogoni'', oggi [[San_Crisogono_(titolo_cardinalizio)|San Crisogono]].
 
Questa è la lista delle 7 diaconie originarie<ref name="APC" />:
* ''Santa Lucia in Orpheo'' o ''in Selce'', poi [[Santa_Lucia_in_Silice_(diaconia)|Santa Lucia in Silice]] (soppressa nel [[1587]] da [[papa Sisto V]])
* ''Santa Maria Antiqua'', poi trasformato in [[Santa_Maria_Nuova_(titolo_cardinalizio)|titolo di Santa Maria Nuova]], oggi [[Santa_Maria_della_Scala_(diaconia)|diaconia di Santa Maria della Scala]]
Tutti i ''tituli'' sono relativi alla [[diocesi di Roma]] e alle sue [[Sede suburbicaria|sedi suburbicarie]], a simboleggiare l'unità del [[Collegio dei cardinali]] come strumento di supporto all'[[cura pastorale|attività pastorale]] del [[vescovo]] di Roma.
 
La corrispondenza tra ''tituli'' e [[Cardinali_(categorie)#Ordini_cardinalizi|ordini cardinalizi]] è la seguente: una sede suburbicaria è attribuita ad un cardinale vescovo, un titolo ad un cardinale presbitero, una diaconìa ad un cardinale diacono.
 
In alcuni casi le diaconie sono elevate ''[[pro hac vice]]'' a titolo presbiterale: questo avviene per poter annoverare il suo titolare fra i cardinali presbiteri (ad esempio qualora il cardinale titolare sia eletto vescovo di una diocesi o se dopo dieci anni di diaconato il cardinale chiede di essere promosso al titolo presbiterale) senza che debba rinunciare ad un titolo tradizionalmente legato al proprio [[Comunità e ordini religiosi cattolici|ordine]] di appartenenza o luogo d'origine.
== Voci correlate ==
* [[Cardinale]]
* ''[[Liber Pontificalis]]''
* [[Lista dei titoli cardinalizi]]
 
2 775 961

contributi