Grado di libertà (statistica): differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
m (Bot: Elimino interlinks vedi Wikidata)
Nessun oggetto della modifica
I '''gradi di libertà''' di una [[variabile casuale|variabile aleatoria]] o di una [[statistica]] in genere, esprimono il [[numero]] minimo di dati sufficienti a valutare la quantità d'[[informazione]] contenuta nella statistica. Infatti, quando un dato non è indipendente, l'informazione che esso fornisce è già contenuta implicitamente negli altri. È possibile quindi calcolare le statistiche utilizzando soltanto il numero di [[indipendenza (statistica)|osservazioni indipendenti]], consentendo in questo modo di ottenere una maggiore precisione nei risultati.
 
Il concetto di gradi libertà venne introdotto in statistica da [[Ronald Fisher]] negli anni 1920'20.
 
Diverse [[variabile casuale|variabili casuali]] ([[variabile casuale t di Student|t di Student]], [[variabile casuale F di Snedecor|F di Snedecor]], [[variabile casuale Chi Quadrato|Chi Quadrato]] e [[Variabile casuale chi quadrato non centrale|Chi Quadrato non centrale]], [[Variabile casuale di Wishart|v.c. di Wishart]] e altre) hanno parametri detti comunemente "gradi di libertà".
Utente anonimo