Inanna: differenze tra le versioni

47 byte aggiunti ,  8 anni fa
m
Aggiunti wikilink
(E' infatti Ishtar ma forse le due voci andrebbero unite)
m (Aggiunti wikilink)
La più antica attestazione del nome di questa divinità è riscontrabile nelle tavole di argilla rinvenute nell'antico complesso templare dell'Eanna (Uruk), e risalenti ai periodi tardo Uruk-Gemdet Nasr, quindi intorno al 3400-3000 a.C., risultando i segni più antichi come pittogrammi, mentre i più recenti sono riportati in modo più astratto<ref>Paul Collins, ''The Sumerian Goddess Inanna (3400-2200 BC)'' in ''Papers from Institute of Archaeology'' 5 (1994) 103-118</ref>.
 
La ''Lista degli dèi di Fara'' riporta il suo nome dopo quello di [[An (mitologia)|An]] e di [[Enlil]] e prima di quello di [[Enki]]<ref>Leick, p. 86.</ref>, comunque sia, le fonti pre-sargoniche non sembrano prestare particolare attenzione a questa divinità<ref>Leick, p. 86.</ref>.
 
== Genealogia ==
La principale tradizione sumerica (città di Uruk) la vuole figlia del dio Cielo An (in questo contesto assume il titolo di ''nu.gig.an.na'' ("ierodula di An"). Un'altra tradizione (città di Isin) la vuole invece figlia del dio Luna [[Sin (divinità)|Nanna]] e sorella gemella del dio del [[Sole]] [[Utu (divinità)|Utu]]<ref>Leick 88</ref>.
 
== Particolarità==
79

contributi