Differenze tra le versioni di "Piero Melograni"

disambigua
(overlinking e fix vari)
(disambigua)
Per un quarto di secolo, dal [[1971]] al [[1996]], è docente di storia contemporanea all'[[Università di Perugia]]. Affianca all'attività di docente la produzione di numerosi saggi e volumi. Nel [[1976]] cura per l'editore [[Casa editrice Giuseppe Laterza & figli|Laterza]] la ''Intervista sull'antifascismo'' di [[Giorgio Amendola]]. Uscito pochi mesi dopo l<nowiki>'</nowiki>''Intervista sul fascismo'' di [[Renzo De Felice]], il volume rileggeva la storia della [[Resistenza italiana|Resistenza]] e del rapporto della sinistra italiana con le forze politiche avversarie (la serie delle ''Interviste'' era iniziata nel 1974 con la nota ''Intervista politico-filosofica'' di [[Lucio Colletti]]).
 
Riappare nella vita politica nel [[1995]] prendendo parte alla Convenzione Liberale del radicale [[Marco Taradash]], fino ad essere eletto deputato alla camera nel [[1996]] come indipendente nelle liste di [[Forza Italia (1994)|Forza Italia]]. Nell'arco di quella legislatura fu incaricato, assieme ad altri sessanta saggi, di scrivere la Carta dei diritti fondamentali dell'[[Unione Europea]]. Nel [[2006]] ha dato alle stampe una fortunata traduzione de ''[[Il Principe]]'' in italiano moderno. Negli ultimi anni ha collaborato con il ''[[Sole 24 Ore]]'', e ''[[Quotidiano Nazionale]]''. Malato da tempo, è scomparso nel [[2012]] all'età di 81 anni<ref>[http://www.corriere.it/cultura/12_settembre_27/melograni-morte_a72def10-0894-11e2-b109-0c446f94a4e2.shtml Addio allo storico Piero Melograni]</ref>.
 
==Opere principali==
58 818

contributi