Differenze tra le versioni di "Provincia di Jeju"

sistema a norme del SI using AWB
(-U (avviso improprio))
(sistema a norme del SI using AWB)
Jeju-do, unica provincia autogovernata della [[Corea del Sud]], coincide con l'isola vulcanica più grande e più a sud del Paese, Jeju, e una cinquantina di altre isolette minori; è situata nello [[Stretto di Corea]], a Sud-ovest della [[Sud Jeolla|provincia di Jeollanam]], di cui ha fatto parte fino alla separazione amministrativa avvenuta nel 1946.
 
La provincia ha una superficie di 1.820  km² ed una popolazione di circa 500.000 abitanti. Il suo capoluogo è Jeju City (Jeju-si 제주시), popolata da 200.000 persone. Sull'isola è presente l'[[aeroporto internazionale di Jeju]].
 
== Nome ==
[[File:Flag_of_JejudoFlag of Jejudo.svg|thumb|Vecchia bandiera di Jeju.]]
In [[lingua coreana|coreano]], "do" è la trascrizione fonetica di due distinti caratteri cinesi che significano, rispettivamente, "isola" (島) e "provincia" (道). Pertanto il nome Jejudo o Jeju-do può essere riferito sia all'isola che all'unità amministrativa.
 
Storicamente l'isola ha avuto diversi nomi tra cui:
* Seomna (섭라, 涉羅)
* Tangna (탁라, 竣羅)
* [[Tamna]] (탐라, 耽羅)
 
Prima dell'anno 2000, Jeju-do era chiamata "Cheju-do".
 
== Storia e mito fondativo ==
Secondo il mito fondativo di Samsonghyol, Jeju era disabitata finché tre uomini di natura divina, Koh, Yang e Boo, emersero dal suolo nei pressi del vulcano Halla-san.
 
Jeju fu un Regno indipendente, chiamato [[Tamna]] (耽羅), fino a quando divenne un [[protettorato]] nel 662. Nel 1105 Tamna perse la sua autonomia ed entrò a far parte di una provincia sotto la dinastia [[Goryeo]].
 
Quando la Corea venne colonizzata dal Giappone, nel 1910, Jeju divenne nota con il nome di ''Saishu'', che altro non è che la trascrizione della pronuncia nipponica della scritta "Jeju" in alfabeto [[Hanja]]. Dopo la sconfitta dei giapponesi Jeju entrò a far parte ufficialmente della nuova Repubblica di Corea. Il 1° luglio 2006 Jeju divenne la prima e unica Provincia Speciale Autogovernata della Corea.
 
Tra l'aprile del [[1948]] e il maggio del [[1949]], nel periodo intercorso tra la fine della [[Seconda guerra mondiale]] e lo scoppio della [[Guerra di Corea]], la popolazione dell'isola fu protagonista di [[Insurrezione di Jeju|un tentativo di insurrezione]] fomentato dai militanti comunisti e che fu represso nel sangue dalle truppe della Corea del Sud. Decine di migliaia di cittadini persero la vita durante il conflitto e molti altri furono uccisi in ostilità ormai finite dopo essere stati catturati e rinchiusi nei campi di prigionia governativi. Per questo motivo quell'episodio è conosciuto con il nome ''[[massacro di Jeju]]''.
 
Storicamente gli abitanti di Jeju sono state vittime di discriminazioni dovute al loro isolamento e la storia dell'isola è stata largamente omessa nei manuali scolastici nazionali.
 
== Divisioni amministrative ==
La provincia di Jeju era divisa in due città ("Si" or "Shi"), Jeju e Seogwipo, e due "contee" ("Gun"), Bukjeju (북제주; North Jeju) e Namjeju (남제주; South Jeju). Nel 2005, i residenti dell'isola hanno approvato un referendum che ha portato alla fusione della contea di Bukjeju con la città di Jeju (제주시; 濟州市) e della contea di Namjeju con la città di Seogwipo (서귀포시; 西歸浦市). Dal 1 luglio 2006, la provincia venne rinominata Provincia Speciale autogovernata di Jeju (제주특별자치도), suddivisa in Jeju e Seogwipo. Oltre al cambio di nome la Provincia ha ottenuto un esteso potere amministrativo in previsione di un progetto di creazione di una Jeju Free International City.
 
{| class="wikitable" style="font-size:90%;" align=center
|-
! Mappa
{{Corea Sud province}}
{{Portale|Corea del Sud|Isole}}
 
[[Categoria:Province della Corea del Sud]]
[[Categoria:Isole della Corea del Sud]]