Differenze tra le versioni di "William Gott"

nessun oggetto della modifica
Ufficiale britannico durante la [[seconda guerra mondiale]], partecipò con distinzione alle numerose e alterne [[Campagna del Nord Africa|campagne di guerra nel deserto libico e egiziano]] contro le pericolose [[Afrika Korps|forze italo-tedesche]] del generale [[Erwin Rommel]]. Personalità notevole, molto apprezzata dalle truppe, Gott era un grande esperto di guerra nel deserto e di mezzi corazzati e mantenne sempre grande prestigio nell'[[British Army|esercito britannico]], esercitando con impegno e energia il comando successivo di brigate, divisioni e corpi d'armata dal [[1940]] al [[1942]].
 
Rimase ucciso nell'abbattimento del suo aereo colpito da caccia tedeschi, quando era già stato designato da [[Winston Churchill]] per assumere il comando dell'[[Ottava armata britannica]] sul fronte di [[El Alamein]]. Tuttavia, [[Arrigo Petacco]], nel suo libro "L'armata del deserto", sostiene che ad abbattere l'aereo di Gott siano stati caccia italiani.
== Biografia ==
=== Guerra nel deserto ===
Considerato un esperto di carri armati e di guerra nel deserto, tenne il comando della 7<sup>a</sup>Divisione corazzata, i famosi "Topi del deserto", durante la difficile e confusa [[operazione Crusader]]; le sue forze, costituite da tre brigate corazzate con oltre 450 carri armati, furono impegnate in continue battaglie nel deserto della [[Marmarica]] contro i mezzi corazzati italo-tedeschi. Dopo scontri dall'esito alterno e pesanti perdite per entrambe le parti, il generale Gott riuscì ad avere la meglio; Tobruk fu sbloccata e il generale Rommel dovette ordinare la ritirata.
 
=== LaEl morteAlamein ===
Dopo la ritirata su [[Prima battaglia di El Alamein|El Alamein]], Gott era il comandante designato da [[Winston Churchill|Churchill]] per prendere il comando della [[Ottava armata britannica|VIII Armata]] in sostituzione del generale [[Claude Auchinleck|Auchinleck]] dopo le gravi sconfitte subite. Un tragico incidente avrebbe interrotto prematuramente la carriera e la vita di William Gott (promosso tenente-generale): il suo aereo da trasporto in viaggio verso il [[Cairo]], venne abbattuto il 7 agosto [[1942]] da caccia tedeschi [[Messerschmitt Bf 109|Bf 109]], e il generale trovò la morte nel disastro.<br />
 
Il 7 agosto 1942 il generale era a bordo di un aereo da trasporto [[Bristol Bombay]] del No. 216 ''Squadron'' in viaggio verso [[il Cairo]] che venne attaccato, mentre volava isolato a 150 metri di quota a sud-sudest di Alessandria, da uno ''schwarm'' formato da quattro [[Messerschmitt Bf 109|Bf 109]] del 5. ''staffeln'' del II/[[Jagdgeschwader 27|JG 27]], guidati dall'[[Maresciallo capo|''Oberfeldwebel'']] [[Emil Clade]]. I caccia tedeschi calarono sul Bombay da 6.000 metri di quota. L'aereo da trasporto venne colpito subito dal fuoco dei Bf 109 e il sergente H. G. James, pilota del Bombay tentò un atterraggio d'emergenza nel deserto. Mentre i passeggeri e l'equipaggio cercavano di uscire dal Bristol Bombay, il sottufficiale Bernhard Schneider effettuò un passaggio a volo radente e mitragliò l'aereo; furono uccisi 17 militari britannici tra cui il generale Gott<ref>J. Weal, ''Jagdgeschwader 27 "Afrika"'', p. 4.</ref>.
 
Alla testa della VIII Armata sarebbe stato nominato al suo posto il candidato del Capo di Stato Maggiore Imperiale [[Alan Brooke]], [[Bernard Law Montgomery]], che avrebbe poi diretto la vittoriosa [[Seconda battaglia di El Alamein|battaglia di El Alamein]] e sarebbe così diventato il generale britannico più famoso di tutta la guerra.
 
== Note ==
<references />
== Bibliografia ==
* Correlli Barnett, ''I generali del deserto'', BUR, Milano, 2001 ISBN 88-17-12540-7
3

contributi