Papa Vitaliano: differenze tra le versioni

m
Bot: niente spazi dopo l'apostrofo e modifiche minori
Nessun oggetto della modifica
m (Bot: niente spazi dopo l'apostrofo e modifiche minori)
|note= Romano Pontefice
|nato= [[Segni (Italia)| Segni]], ?
|morto= [[Roma]], [[27 gennaio]] [[672]]
|venerato da= Chiesa cattolica
|beatificazione=
|GiornoMeseMorte = 27 gennaio
|AnnoMorte = 672
|FineIncipit = fu il 76º [[vescovo di Roma]] e [[papa]] della [[Chiesa cattolica]] dal [[30 luglio]] [[657]] alla sua morte. È venerato come [[santo]] dalla [[Chiesa cattolica]] e dalle [[Chiese ortodosse]]
|Categorie = no
|ForzaOrdinamento = Vitaliano
 
L'episodio principale del suo pontificato privo di eventi fu la visita di Costante II a Roma; il Papa lo ricevette "con onori quasi religiosi", una deferenza che venne ripagata prelevando tutti gli ornamenti di [[Ottone (lega)|ottone]] della città (perfino le tegole in [[bronzo]] dorato della cupola del [[Pantheon (Roma)|Pantheon]]) e inviandoli a [[Costantinopoli]].
L'arcivescovo Teodoro di Tarso venne inviato a [[Canterbury]] da Vitaliano. Vitaliano si interessò infatti molto alla chiesa inglese, riuscendo a convincere il re di [[Northumbria]] [[Oswiu di Northumbria|Oswy]] a far adottare usi romani in luogo di quelli [[celti]], in particolare la data di celebrazione della [[Pasqua]] (conferenza di Whitby del [[664]]). Promosse in Roma lo sviluppo della ''Schola cantorum'' fondata da [[Papa Gregorio I|Gregorio I]]. Dopo la morte violenta di Costante II in Sicilia, per mano ribelle, aiutò il figlio a salire al trono di Bisanzio, per il quale brigavano i ribelli in favore dell'armeno Mezezio. Il legittimo successore di Costante la spuntò e divenne imperatore con il nome di [[Costantino IV Pogonato|Costantino IV]], che rinunciò all'imposizione del ''Typos'', consentendo così a Vitaliano di opporvisi con più efficacia. Secondo il [[Platina]] introdusse l' uso dell' organo nella liturgia romana.
 
== Culto ==
3 297 218

contributi