Apri il menu principale

Modifiche

sistema a norme del SI using AWB
|rocce =
}}
I '''Monti Sicani''' sono una [[catena montuosa]] che insiste nell'area centro-meridionale della [[Sicilia]], tra le province di [[Provincia di Agrigento|Agrigento]] e [[Provincia di Palermo|Palermo]]. Con la denominazione di Monti Sicani, inoltre, si indica un insieme di comuni posti in questa vasta area dell'Isola, situata a metà strada tra le città di [[Palermo]] ed [[Agrigento]] da nord a sud e tra le città di [[Trapani]] e [[Caltanissetta]] da ovest ad est. Il territorio è caratterizzato da una zona collinare di natura [[argilla|argillosa]] o [[Arenaria (roccia)|arenacea]] adibita a pascolo ed una zona montana, oltre i 900  m, costituita da [[rocce calcaree]] pelagiche del [[mesozoico]]. Numerose sono le vette oltre i 1000  m che culminano con Rocca Busambra e Monte Cammarata, entrambi oltre i 1500  m.
 
== Geografia fisica ==
{{immagine grande|Pano_Sicani.jpg|800px|Veduta panoramica dei monti Sicani (versante sud-occidentale)}}
Il territorio dei Monti Sicani custodisce in aree archeologiche i segni della presenza dell'antico popolo dei [[sicani]]. Di grande interesse anche alcuni elementi caratteristici dell'antica civiltà rurale: il ''pagliaio'' (esempio di abitazione destinata agli allevatori nomadi), il ''[[Baglio (architettura)|baglio]]'' (struttura abitativa più complessa, utilizzata dai contadini stanziali).
 
Le attività artigianali spaziano dalla lavorazione della ceramica alla realizzazione di campane, dal fabbro allo scalpellino al falegname; il lavoro della donne è dedicato soprattutto al tombolo, al ricamo e all'uncinetto.<ref>[http://www.montisicani.org/progetto.htm PROGETTO MéRITE]</ref>
====Orografia====
[[Immagine:Rocca busambra 140406 2.jpg|thumb|upright=0.7|Rocca Busambra]]
* [[Rocca Busambra]] (1613 &nbsp;m)
* Monte Cammarata e Monte Gemini (1578 &nbsp;m e 1397 &nbsp;m)
* Monte Barracù e Pizzo Cangialoso (1420 &nbsp;m e 1457 &nbsp;m)
* [[Monte delle Rose]] (1436 &nbsp;m)
* Serra del Leone e Pizzo Stagnataro (1316 &nbsp;m e 1346 &nbsp;m)
* Pizzo di Gallinaro (1220 &nbsp;m)
* Monte Colomba (1197 &nbsp;m)
* [[Monte Carcaci]] (1196 &nbsp;m)
* [[Monte Genuardo]] (1180 &nbsp;m)
* [[Monte Quisquina]] (1008 &nbsp;m)
* [[Pizzo Colobria]] (1000 &nbsp;m)
 
====Idrografia====
I principali corsi d'acqua dell'area sicana sono il fiume Platani, il fiume Sosio-Verdura e il Fiume Frattina-Belice sinistro. Il Fiume Platani costituisce il limite geografico orientale e meridionale dei Monti Sicani. Il fiume Sosio ha sorgenti presso Filaga (Prizzi) e attraversando i Sicani forma una profonda valle con gole: La Valle del Sosio. Il fiume Frattina ha sorgenti tra la Rocca Busambra ed il Bosco della Ficuzza.
 
====Flora====
La [[flora]] naturale è rappresentata da [[quercus|querceti]] termofili con ''[[Quercus ilex]]'' e ''[[Quercus pubescens]] l.s.'' che occupano prevalentemente i versanti settentrionali dei rilievi in formazioni a volte relitte o degradate in [[macchia mediterranea|macchia]]. Le sommità dei rilievi, spesso prive di vegetazione arborea, presentano pascoli con eccezionali fioriture primaverili di [[orchidaceae]] e [[liliaceae]]. Lungo i corsi d'acqua si sviluppa una interessante vegetazione ripariale con [[salix|salici]], [[oleandri]] e [[tamerici]]. Alcune aree sono state rimboschite con essenze esotiche, prevalentemente pinacee (''[[Pinus halepensis]]'') e [[cipresso|cupressacee]] (''[[Cupressus glauca]]'', ''[[Cupressus arizonica|C. arizonica]]'', ecc.), [[mirtacee]] esotiche del genere ''[[Eucalyptus]]'' e [[populus|pioppi]].
 
Il "bosco della Ficuzza", già riserva di caccia dei [[Borbone di Napoli|Borboni]], è la superficie boscata più estesa dei monti Sicani, seguita dal Bosco di S. Adriano sul fiume Sosio.
Queste montagne offrono un habitat ideale per una [[fauna]] molto varia, grazie alla presenza di alte vette in un territorio poco popolato.
È possibile osservare diverse specie di rapaci, dai più rari, quali il [[Nibbio bruno|nibbio]], l' [[aquila reale]] e il [[capovaccaio]] (sono presenti qui gli unici siti riproduttivi della Sicilia), ai più diffusi, come il [[falco pellegrino]], lo [[sparviero]], il comunissimo [[gheppio]], la [[Buteo buteo|poiana]], l'[[Albanella (zoologia)|albanella]], il [[Asio otus|gufo]], il [[barbagianni]], la [[Athene noctua|civetta]] e l'[[allocco]].
Tra di uccelli di taglia medio-piccola, sono osservabili il [[gruccione]], il [[cuculo]], il [[codirosso spazzacamino]], il [[picchio rosso maggiore]] e la [[tordela]], mentre tra gole e strapiombi si possono incontrare il [[Monticola solitarius|passero solitario]], il rarissimo [[codirossone]], la [[Ptyonoprogne rupestris|rondine montana]] e il [[rondone maggiore]].<ref>[http://www.ebnitalia.it/qb/QB010/sicani.htm Birdwatching]</ref>