Differenze tra le versioni di "Io sono colui che sono"

(fix categorizzazione Cabala e fix vari using AWB)
 
== Significato della frase ==
''Hayah'' significa "esistito/esitetteesistette" o "era/fu" in [[ebraico]]; "ehyeh" è la prima persona singolare dell'[[imperfetto]] e viene usualmente tradotta nelle Bibbie italiane con "Io sono" (o "Io sarò" o "Io mostrerò d'essere").<ref>Per esempio, in {{passo biblico2|Esodo|3:12}}</ref> ''Ehyeh asher ehyeh'' letteralmente si traduce con "Io sarò ciò che sarò", con le conseguenti implicazioni teologiche e mistiche della tradizione ebraica.
 
Tuttavia, nella maggior parte delle Bibbie in italiano, questa frase è resa come ''Io sono colui che sono''.<ref>I [[Tempo (linguistica)|tempi verbali]] in [[ebraico]] denotano l'azione e non la temporalità: il [[perfetto|tempo prefetto]] indica un'azione completata, e l'"imperfetto" denota un'azione incompleta. Così, il tempo [[imperfetto]] può essere tradotto come presente o futuro, e ciò può causare problemi nella traduzione.<br />
* Nel [[Nuovo Testamento]], [[Gesù]] fa riferimento a Esodo 3:14 diverse volte (anche se non è sempre evidente in italiano) vedi per esempio Giovanni 4:26; 6:20,35,41,48,51; 8:12,18,24,28, ecc. e in particolare 8:58 e 18:5,6,8. In tutti questi casi il greco ha '''εγώ ειμί''' (''egò eimì'') che viene correttamente tradotto in italiano “io sono” al presente. Non a caso Gesù usa il presente e se in Esodo 3:14 usiamo il futuro impediamo al lettore di mettere in connessione fra loro questi passi."</ref>
[[File:He-EhyehAsherEhyeh.ogg|thumb|[[Ehyeh-Asher-Ehyeh]]]]
''Ehyeh-Asher-Ehyeh'' (spesso contratto in italiano come ''"IIO SONO"'') è uno dei [[#I Sette Nomi di Dio|Sette Nomi di Dio]] trattati con cura speciale dalla tradizione ebraica medievale.<ref>''The Reader's Encyclopedia'', 2ª ed. [[1965]], pubbl. Thomas Y. Crowell Co., New York, edizioni 1948, 1955. Library of Congress Catalog Card Nr. 65-12510, p. 918</ref> La frase si trova anche nella letteratura di altre religioni, usata per descrivere l'[[Essere supremo]], generalmente con riferimento al suo uso nel [[Libro dell'Esodo]]. La parola ''Ehyeh'' è considerata da molti studiosi rabbinici quale derivazione in prima persona del [[Tetragramma]] - cfr. per es. ''[[Yahweh]]''.
 
==Ebraismo==
Utente anonimo