Differenze tra le versioni di "Uluç Alì Pascià"

nessun oggetto della modifica
Uluch Alì nacque in [[Calabria]], col probabile nome di Giovanni Dionigi Galeni, nel 1519.
 
Stava per entrare in convento e divenire monaco, quando fu catturato dal corsaro algerino [[Ariadeno Barbarossa|Khayr al-Dīn Barbarossa]] nel [[1536]] a Le Castella, presso [[Isola di Capo Rizzuto]] in Calabria. Fatto prigioniero e messo al remo, rinnegò la religione cristiana dopo alcuni anni, per poter uccidere un turco che lo aveva schiaffeggiato e non essere di conseguenza ucciso in base alla [[Shari'a|legge]] [[islam]]ica: questo<ref> Questo episodio è riferito nel ''[[Don Chisciotte della Mancia|Don Chisciotte]]'' da [[Miguel de Cervantes]], che lo aveva appreso mentre era anch'egli schiavo dei turchi</ref>. Diventato musulmano, sposò la figlia di un altro calabrese convertito, Jaʿfar Pascià e iniziò la propria carriera di corsaro, con grande successo. Divenne dapprima comandante della flotta di [[Alessandria d'Egitto|Alessandria]], poi [[pascià]] d'[[Algeri]], e infine governatore (''[[bey]]'' (governatore) di [[Tripoli]].
 
Da corsaro imperversò in tutto il [[Mar Mediterraneo]]. Opera sua furono le catture nei pressi di [[Isola di Favignana|Favignana]] della galera di [[Pietro Mendoza]] ([[1555]] ca.), a [[Isola Marettimo|Marettimo]] quella di [[Vincenzo Cicala]] e [[Luigi Osorio]] ([[1561]]). Il suo nome è legato a numerose incursioni sulle coste italiane, soprattutto quelle del Regno di Napoli, allora dominio spagnolo. Secondo alcune voci dell'epoca, tramò anche con vari cospiratori calabresi per staccare la Calabria dai regni spagnoli e unirla ai domini turchi.
683

contributi