Membrana basale: differenze tra le versioni

m
Bot: niente spazi dopo l'apostrofo e modifiche minori
m (Bot: niente spazi dopo l'apostrofo e modifiche minori)
[[ImmagineFile:Basal lamina.jpg|thumb|right|Membrana basale osservata al [[microscopio elettronico|microscopio elettronico a trasmissione]].]]
La '''membrana basale''' è una struttura laminare specializzata della [[matrice extracellulare]] di spessore compreso tra 70 e 300 nm; di solito fa da interfaccia tra un [[tessuto connettivo|tessuto connettivale]] e un tessuto non connettivale, tipicamente [[tessuto epiteliale|epiteli]].
 
Essa viene prodotta sia dalle [[tessuto epiteliale|cellule epiteliali]] che dai [[fibroblasti]] del [[tessuto connettivo |connettivo]] in una forma di cooperazione.
 
Si può dimostrare al [[microscopio|microscopio ottico]], laddove il suo spessore sia entro il limite di risoluzione, sfruttando la sua [[reazione PAS|PAS positività]] o la sua argentaffinità; tuttavia, solo con la [[microscopio elettronico|microscopia elettronica a trasmissione]] se ne possono distinguere i vari strati.
* Funzione meccanica: fornisce supporto fisico agli epiteli, nonché un sito di ancoraggio per le cellule.
* Regolazione delle funzioni cellulari: per esempio, contribuisce a regolarne la polarità
* Regolazione del microambiente cellulare: funziona come un filtro molecolare grazie alla rete costituita dal collagene di tipo IV presente a livello della lamina densa e ai [[Glicosaminoglicano|glicosamminoglicani]] (sia liberi, come l' eparansolfato, sia associati in proteoglicani, come il perlecano), per via delle sfere di idratazione dei numerosi gruppi [[acidi carbossilici|carbossilici]] e [[acido solfonico|solforati]]. Questa funzione è particolarmente importante per gli [[tessuto epiteliale|epiteli]] che non essendo vascolarizzati scambiano le molecole per diffusione con il [[tessuto connettivo|connettivo]], il quale invece è vascolarizzato: questo scambio è regolato proprio dal filtro che è costituito dalla membrana basale.
* Supporto alla rigenerazione tissutale: in certi casi può offire una sorta di struttura guida per le cellule che devono riorganizzarsi in seguito ad una lesione
* Sito di stoccaggio per molecole a funzione criptica: è il caso dell'endostatina, molecola ad attività angiogenetica che deriva dal collagene XVIII, e che viene liberata in seguito alla proteolisi di quest'ultimo.
 
== Membrana Basale vs Lamina Basale ==
Alcuni autori designano con il termine "membrana basale" unicamente quelle strutture contenenti tutte e tre le lamine (rara, densa, fibroreticolare) mentre riservano la denominazione '''[[lamina basale]]''' alle strutture composte soltanto di lamina lucida e lamina densa. Secondo questa impostazione, la membrana basale si può vedere come una struttura data da una lamina basale più una lamina reticolare. Le ragioni di questa distinzione sono dovute o al fatto che la lamina fibroreticolare è considerata parte del [[tessuto connettivo]], o per distinguere i casi in cui questa è assente, come nelle membrane basali con struttura sandwich.
 
*{{cita libro | cognome=Bani | nome=Paolo |coautori= et al.| anno=2007 | titolo=Il Manuale di Istologia | edizione=1<sup>a</sup> edizione | editore=Idelson-Gnocchi | id=ISBN 978-88-7947-455-9 }}
 
[[Categoria:istologiaIstologia]]
3 379 460

contributi