Differenze tra le versioni di "Xavier Kurten"

miglioramenti
(modifica bio)
(miglioramenti)
|Attività = architetto del paesaggio
|Nazionalità = tedesco
Direttore|PostNazionalità =, direttore e progettista di giardini,<ref>{{cita|A. Salina Amorini|p. 59|Cazzato, 2009}}</ref> è noto per aver introdotto in [[Piemonte]] lo stile di ''giardino romantico all'inglese'' agli inizi dell'[[Ottocento]].
}}
 
Direttore e progettista di giardini,<ref>{{cita|A. Salina Amorini|p. 59|Cazzato, 2009}}</ref> è noto per aver introdotto in [[Piemonte]] lo stile di ''giardino romantico all'inglese'' agli inizi dell'[[Ottocento]].
== Biografia ==
Nacque in [[Prussia]] e si formò in [[Francia]]<ref>{{cita libro|autore=Elena Accati Garibaldi|autore2=Renato Bordone|autore3=Marco Devecchi|titolo=Il giardino storico nell'Astigiano e nel Monferrato|città=Asti|editore=Provincia di Asti|edizione=2|anno=2000|ISBN=978-8888491028|p=36}}</ref> seguendo l'esempio e l'insegnamento del fratello maggiore Ernest, che a [[Parigi]] era un noto architetto di giardini ed autore del trattato ''Essai sur les jardins'' pubblicato nel 1807.<ref>{{cita libro|curatore=Laura Sabrina Pelissetti|curatore2=Lionella Scazzosi|titolo=Giardini, contesto, paesaggio. Sistemi di giardini e architetture vegetali nel paesaggio. Metodi di studio, valutazione, tutela. Ediz. italiana e inglese|edizione=1|anno=2005|editore=Olschki|ISBN=978-8822254832|p=468}}</ref><ref>{{cita|A. Salina Amorini|p. 60|Cazzato, 2009}}</ref><br />
 
Giunto in Piemonte, per ragioni ignote ancora oggi, lavorò per il Comune di Torino come ''ispettore delle passeggiate'' e ''delle alberate'' nel 1811.<ref>{{cita|Architetti di giardini}}</ref> La prima opera di cui si ha documentazione fu il progetto del parco del Castello di [[San Martino Alfieri]] commissionatogli da [[Carlo Emanuele Alfieri di Sostegno]] nel 1815.<ref>{{cita|A. Salina Amorini|p. 60|Cazzato, 2009}}</ref>
 
==Opere==
[[File:EKurtenEssai frontespizio.PNG|thumb|right|<small>Frontespizio dell'opera di Ernest Kurten che esprime le idee comuni ai due fratelli. L'autore pubblicò nel 1807 con lo pseudonimo "Sig. Curten primogenito", a Lione per ''Reymann et C.'' ed a Parigi per ''Brunot''</small>]]
 
===La concezione del giardino e del paesaggio===
Noto per aver introdotto in Piemonte lo stile di ''giardino romantico all'inglese'' Xavier Kurten fu influenzato nel modo di concepire l'arte del giardino dal fratello maggiore Ernest, come dimostra il confronto tra le idee espresse da questo nel suo librotrattato già''Essai citatosur les jardins''<ref>{{cita|A. Salina Amorini|p. 60|Cazzato, 2009}}</ref> ed i parchi e giardini realizzati da quello. Per i Kurten il progettista doveva mantenere e riutilizzare quel che già esisteva nel sito, evidenziando gli elementi [[pittoresco|pittoreschi]] presenti e creando elementi nuovi in accordo con la natura spontanea del luogo. I due fratelli collaborarono in alcune opere, come ad esempio nel parco reale di Racconigi.<ref>{{cita|A. Salina Amorini|pp. 60-61|Cazzato, 2009}}</ref>
 
===I tratti caratteristici===
1 138

contributi