Differenze tra le versioni di "Valigia delle Indie"

nessun oggetto della modifica
Il primo viaggio ufficiale della Valigia delle Indie avvenne il 25 ottobre del [[1870]]: era il primo [[piroscafo]] della società inglese ''[[Peninsular and Oriental Steam Navigation Company]]'' ("P&O") a partire dal porto di Brindisi per Alessandria, da dove la ferrovia portava passeggeri e merci sino a [[Suez]] e qui venivano imbarcati su un'altra nave diretta in India.
Il convoglio che partiva da Londra giungeva a Brindisi in 44 ore e a [[Bombay]] in 22 giorni, contro i 25 giorni necessari con la partenza da [[Marsiglia]]. Il 5 gennaio [[1872]] la Valigia delle Indie transitava per la prima volta dall'appena inaugurato [[Traforo ferroviario del Frejus]].<ref>Corrado Lesca, ''Tre ingegneri per un traforo- La storia della ferrovia del Frejus'', Melli Editrice, Borgone di Susa (TO), 1998, pag. 134</ref>
 
[[File:Thomas Fletcher Waghorn ca. 1847.jpg|thumb|[[Thomas Fletcher Waghorn]] (1800–1850), ex ufficiale della [[Royal Navy]], promotore del passaggio attraverso l'[[Egitto]] per raggiungere l'[[India]] anzichè passando doppiando il [[Capo di Buona Speranza]]. Da questo itinerario proposto il governo britannico investì sulla costruzione del [[Canale di Suez]] e sulla ''Valigia dellle Indie''.]]
==Il viaggio in treno==
Se l'Indian Mail era il viaggio che portava gli inglesi fino a Bombay e alle lontane colonie indiane, il [[Peninsular-Express]] era il leggendario convoglio che univa per ferrovia Londra con Brindisi. Il collegamento settimanale partiva da Londra il venerdì alle 21 e toccando [[Calais]] e [[Parigi]]. Inizialmente e fino al 1871 un treno apposito valicava da [[Saint-Jean-de-Maurienne]] a [[Susa (Italia)|Susa]] il [[Colle del Moncenisio]] con un dislivello di 1588 metri attraverso una ferrovia a cremagliera [[Sistema Fell]], mentre dal 1871 transitava invece da Modane per il nuovo [[Traforo del Frejus]] arrivando in territorio Italiano nel pomeriggio del sabato successivo. Qui era una [[locomotiva FS 552]] della ex [[Rete Adriatica]] a proseguire il viaggio per [[Torino]], [[Piacenza]], [[Bologna]], [[Ancona]] e il [[Porto di Brindisi]] dove arrivava puntuale alle 18 della domenica dopo 45 ore esatte di viaggio.
78 093

contributi