Apri il menu principale

Modifiche

 
Nella seconda metà del 16esimo secolo Heidelberg, grazie al principe elettore Federico III, diventò un centro di scienza e cultura europee e assunse particolare carattere come scuola superiore calvinista. Heidelberg diventò la Ginevra tedesca, cioè un centro di erudizione calvinista, il cui carisma internazionale attirò professori e studenti da tutta Europa. Con la cooperazione della facoltà di teologia, nel 1563 nacque il famoso catechismo di Heidelberg. Accanto al calvinismo, verso la fine del 16esimo secolo nacque il tardo-umanesimo. In quest'epoca operavano qui tra l'altro Paul Schede, Jan Gruter, Martin Opitz, Julius Wilhelm Zincgref o Matthäus Merian.
 
=== La guerra dei Trentanni ===
Il periodo di fioritura durò fino al 1618. La guerra dei Trentanni colpì pesantemente l'Università. Più volte l'attività didattica venne interrotta, nel 1622 la Bibliotheca Palatina famosa in tutto il mondo venne trasferita a Roma. Il faticoso nuovo inizio dopo la guerra frantumò la completa distruzione di Heidelberg ad opera delle truppe di Luigi XIV nel 1693. L'Universtià rimase nuovamente chiusa diversi anni.
 
=== XVIII secolo ===
La Domus Wilhelmina del 1735, oggi chiamata ''Vecchia Università'', foto storica (intorno al 1900)
 
Nel XVIII secolo a Heidelberg regnava la mediocrità intellettuale. I professori provenivano per la maggior parte dai gesuiti, che solitamente rimanevano a Heidelberg solo per breve tempo. In altre posizioni cattedratiche si affermava l'ereditarietà di tali posizioni, ciò che danneggiava il livello scientifico. Il carattere protestante fino ad allora incontestato andò perduto a causa di una tardiva controriforma. La cattiva amministrazione finanziaria e le guerre rivoluzionarie alla fine del XVIII secolo portarono l'Università a perdere il proprio patrimonio e le proprie entrate indipendenti.
 
Nel 1712–1735 nella piazza dell'Università con la ''Domus Wilhelmina'', oggi nota come Vecchia Università, sorse un nuovo edificio principale, l'architetto era Johann Adam Breunig di Magonza.<sup>[7]</sup>
 
== Voci correlate ==
1 853

contributi