Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
La causa violenta deve essere idonea per intensità e tempo a causare il [[danno]]. Sono considerati infortuni sul lavoro anche gli eventi verificatisi "in itinere", ovvero durante il percorso abitazione-luogo di lavoro.
 
Si differenzia dalla '''[[Malattia professionale|malattia lavoro-correlata''']], o [[malattia professionale]], termine che identifica una [[patologia]] provocata da un'agente presente nell'ambito lavorativo che abbia contribuito nel corso del tempo, mesi o anni, al manifestarsi della patologia.
 
L'incidente sul lavoro viene associato, in genere, ad ambienti lavorativi come fabbriche, opifici, o cantieri: tuttavia, secondo le statistiche [[INAIL]] (serie storica dal 2009 al 2013), la prima causa di infortuni mortali sul lavoro è data dagli [[incidenti stradali]], tra cui sono compresi quelli che avvengono durante il tragitto per recarsi da casa al lavoro e viceversa<ref name="M. De Mitri"/> (i cosiddetti infortuni ''in itinere''). Ne consegue che ogni politica di prevenzione e di lotta contro gli infortuni sul lavoro non può limitari all'ambiente classico di lavoro, ma deve necessariamente per interventi riguardanti la [[sicurezza stradale]], in grado di incidere nella diminuzione del rischio derivante dalla [[circolazione stradale|circolazione]] degli [[autoveicoli]]<ref name="M. De Mitri">{{Cita web|autore = Marco De Mitri|url = http://www.marcodemitri.it/dati-inail-infortuni-lavoro-incidenti-stradali/|titolo = Dati INAIL sugli infortuni sul lavoro: prima causa di morte? Gli incidenti stradali!|accesso = |editore = |data = }}</ref>.
* [[Testo unico sulla sicurezza sul lavoro]]
* [[Documento di valutazione dei rischi]]
* [[Malattia professionale]]
 
==Altri progetti==
Utente anonimo