Differenze tra le versioni di "Cripta"

1 byte aggiunto ,  6 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (Bot: Fix dimensionamento immagini (v. richiesta))
[[File:Cripta di sant'eusebio, vii secolo, pavia.jpg|thumb|La cripta della [[chiesa di Sant'Eusebio (Pavia)]], costruita in [[Architettura longobarda|età longobarda]].]]
Una '''cripta''' (dal [[lingua greca|greco]] ''κρύπτη'', ''kryptē'', da cui il [[lingua latina|latino]] ''crypta'' significato: nascosto) è, nell'[[architettura medievale]], una camera o un vano ricavato con la pietra, di solito sitoposto al di sotto del pavimento di una [[chiesa (architettura)|chiesa]], spesso contenente le [[tomba|tombe]] di importanti personalità come [[santo|santi]] (o le loro [[reliquia|reliquie]]) o alte cariche del [[clero]].
 
Le chiese erano occasionalmente costruite sopra il livello del suolo per inserirvi una cripta, come nel caso della [[Chiesa di San Michele (Hildesheim)|Chiesa di San Michele]] a [[Hildesheim]], in [[Germania]], esempio unico di architettura ottoniana e [[patrimonio dell'umanità]]. Le cripte si trovano normalmente sotto l'[[abside]] come a [[Saint-Germain en Auxerre]], ma occasionalmente anche sotto il [[transetto]], le cappelle laterali della chiesa o le sue [[navata|navate]]. Nate all'inizio dell'[[era cristiana]], in particolare in [[Nord Africa]] a [[Ech-Cheliff]] e [[Djemila]] in [[Algeria]], e nel periodo [[Bisanzio|bizantino]] nello Studio di San Giovanni a [[Costantinopoli]], le cripte furono usate dapprima nell'Europa occidentale, e da qui il loro uso ampiamente diffuso, sotto [[Carlo Magno]]. Erano molto comuni nell'ovest dell'[[alto medioevo]], per esempio in [[Borgogna]] a [[Digione]] e [[Tournus]]. Dopo il [[X secolo]] la necessità del loro uso cominciò a venir meno, quando le autorità ecclesiastiche permisero di tenere le [[reliquie]] al livello principale delle chiese. Le cripte furono costruite raramente nel periodo [[Gotico (arte)|gotico]].
Utente anonimo