Differenze tra le versioni di "Gabriella Sica"

Premio LericiPea C'erano i contadini La parola ritrovata Maria Ida Gaeta Scrivere in versi 2011
m (Bot: fix duplicati in template bio)
(Premio LericiPea C'erano i contadini La parola ritrovata Maria Ida Gaeta Scrivere in versi 2011)
Inizia a pubblicare i suoi testi poetici sulla rivista «Prato pagano» nel 1980 e su l'«Almanacco dello specchio» nel 1983. Nel 1986 pubblica il suo primo libro di poesie, dal titolo "La famosa vita", che vince il Premio di Poesia Brutium-Tropea. Escono poi nel 1992 "Vicolo del Bologna", nel 1997 "Poesie bambine", nel 2001 "Poesie familiari" ([[Fazi Editore]], che vince il Premio Internazionale di Poesia Camaiore ed è finalista vincitore al Premio Frascati di Poesia e al Premio Metauro. Nel 2009 pubblica il suo ultimo libro di poesia, "Le lacrime delle cose", vincitore del [[Premio Alghero Donna|Premio Nazionale Alghero Donna di Letteratura e Giornalismo]] per la sezione poesia nel 2010, del Premio Garessio-Ricci, finalista vincitore al Premio Internazionale Dessì e al Premio Lucia Rodacanachi-Arenzano.
 
A partire dagli anni '80 inizia a svolgere un'intensa e generosa attività nell'ambito della poesia contemporanea, aggregando attorno alla rivista «Prato pagano», che dirigerà dal [[1980]] al [[1987]], molti poeti della cosiddetta "generazione dell'80" (detta anche della "parola ritrovata"). Lei stessa racconta, nell'introduzione a un libro di Flavia Giacomozzi, ''Campo di battaglia. Poeti a Roma negli anni ottanta (antologia di «Prato pagano» e «Braci»)'', come in quegli anni ci sia stata «una postura morale acquisita dai poeti giovani, l'aggiunta di un supplemento di interiorità che rappresentò un modo per ristabilire l'autenticità e la credibilità del fare poesia».
 
Ha curato un convegno nel 1993 con poeti e critici i cui interventi sono stati raccolti a cura sua e di Maria Ida Gaeta ne ''La parola ritrovata. Ultime tendenze della poesia italiana'', Marsilio, [[1995]] e scritto un insolito libro sulla metrica come risorsa tecnica e umana della poesia ''Scrivere in versi. Metrica e poesia'' (Pratiche [[1996]]; nuova edizione aggiornata e ampliata, il Saggiatore [[2003]], ora 2011, con l'aggiunta di una muova Lettera sulla poesia).
 
Ha curatoinoltre antologieideato poetichee (''Larealizzato parolaper ritrovata.la Ultime tendenze della poesia italiana''Rai, Marsilio,con [[1995]])la eregia scrittodi saggiGianni ''ScrivereBarcelloni, inalla versi.fine Metricadegli eanni poesia'' (Pratiche [[1996]]; nuova edizione aggiornata e ampliataNovanta, il Saggiatore [[2003]]). Ha realizzato inoltre sei video sui grandi poeti del Novecento ([[Giuseppe Ungaretti]], [[Eugenio Montale]], [[Pier Paolo Pasolini]], [[Umberto Saba]], [[Sandro Penna]] e [[Giorgio Caproni]]), i cui primi tre sono stati pubblicati in videocassetta da Einaudi (2000 e 2001).
 
Nel 2004 ha scritto e letto alla Radio C'erano i contadini, testo che alterna commenti alle voci popolari della Tuscia di cui è originaria.
 
Ha curato antologie poetiche (''La parola ritrovata. Ultime tendenze della poesia italiana'', Marsilio, [[1995]]) e scritto saggi ''Scrivere in versi. Metrica e poesia'' (Pratiche [[1996]]; nuova edizione aggiornata e ampliata, il Saggiatore [[2003]]). Ha realizzato inoltre sei video sui grandi poeti del Novecento ([[Giuseppe Ungaretti]], [[Eugenio Montale]], [[Pier Paolo Pasolini]], [[Umberto Saba]], [[Sandro Penna]] e [[Giorgio Caproni]]), i cui primi tre sono stati pubblicati in videocassetta da Einaudi (2000 e 2001).
Il suo ultimo libro, "Emily e le Altre. Con 56 poesie di Emily Dickinson", uscito nel 2010,ha avuto riconoscementi di critica e di pubblico.
 
Le poesie di Gabriella Sica, apprezzate fin dall'inizio da [[Elsa Morante]], [[Attilio Bertolucci]] e [[Giovanni Raboni]], sono state tradotte in francese, inglese, rumeno e, in particolare, in spagnolo (in alcune antologie di poesia italiana e con il volume "No sentirás el ruisenor que llora", nella traduzione di Mercedes Arriaga).
 
Nel settembre del 2014 Gabriella Sica ha ricevuto a Lerici il Premio Internazionale per l'opera poetica del LericiPea, con Agi Mishol (israeliana) e Amel Moussa (tunisina): tre donne di diverse sponde per la "Poesia, grande madre del Mediterraneo".
 
==Opere==
Utente anonimo