Differenze tra le versioni di "Copiapite"

2 042 byte aggiunti ,  13 anni fa
nessun oggetto della modifica
m
|
gruppo =
&nbsp;trimetrico <!--scrivere il gruppo cristallino-->
|
sistema =
&nbsp;triclino <!--scrivere il sistema cristallino-->
|
classe =
&nbsp;pinacoidale <!--scrivere la classe di simmetria-->
|
parametri =
&nbsp;a = 7.227, b = 18.76, c = 7.379 <!--scrivere i parametri di cella-->
|
puntuale =
|
valoredensita =
&nbsp;2,08 <!--scrivere la densità in g/cm3-->
|
valoredurezza =
&nbsp;2,5-3 <!--scrivere la durezza secondo Mohs-->
|
tiposfaldatura =
&nbsp;perfetta secondo {010} <!--scrivere il tipo di sfaldatura-->
|
tipofrattura =
|
coloreminerale =
&nbsp;giallo, giallo verdastro, giallo arancio <!--scrivere i colori che può assumere il minerale-->
|
tipolucentezza =
&nbsp;madreperlacea <!--scrivere il tipo di lucentezza-->
|
tipoopacita =
&nbsp;da trasparente a traslucida <!--scrivere "opaca, translucida, trasparente ecc.-->
|
coloreriflessi =
&nbsp;più chiaro del colore rispettivo <!--scrivere il colore dello striscio su porcellana-->
|
tipodiffusione =
&nbsp;assai rara <!--scrivere se è raro, diffuso, comune ecc...-->
}}
<!--fine della tabella minerale-->
 
La '''copiapite''' è un minerale, un solfato basico e idrato di [[ferro]] trivalente, [[magnesio]] e [[ferro]] bivalente.
 
Il nome deriva dalla località di [[Copiapò]], nel [[Cile]].
 
Descritta per la prima volta da [[Wilhelm Karl von Haidinger]] (1795 - 1871), geologo e mineralogista austriaco, nel 1905.
 
 
 
== Abito cristallino ==
I cristalli sono tabulari.
 
 
== Origine e giacitura ==
La genesi è secondaria, prevalentemente per ossidazione nei giacimenti di [[pirite]] delle zone aride. La [[paragenesi]] è con [[alotrichite]], [[pirite]], [[pickeringite]] e [[marcasite]].
 
 
== Forma in cui si presenta in natura ==
Si presenta in aggregati scagliosi, in masse polverulente, in aggregati sugherosi o in incrostazioni, raramente in piccoli cristalli.
 
 
== Caratteri fisico-chimici ==
Facilmente solubile in acqua, va conservato in contenitori stagni o sotto plastica.
 
 
== Località di ritrovamento ==
A [[Dubnik]], nella [[Slovacchia]]; a [[Copiapò]], a [[Chuquicamata]] e ad [[Alcaparosa]], nel [[Cile]]; a [[Goslar]] e a [[Rammelsberg]], nella [[Germania]]; a [[Bisbee]], in [[Arizona]] e a [[Falun]], in [[Svezia]],
 
In Italia se ne trovano croste nella [[miniera del Nibbio]], nel comune di [[Mergozzo]], in provincia di [[Novara]]; nella miniera di [[Libiola]], nel comune di [[Sestri Levante]], in [[Liguria]]; a [[Vigneria]] e a [[Capo d'Arco]], nel comune di [[Rio Marina]], e nel comune di [[Capoliveri]], tutti e due sull' [[isola d'Elba]].
 
 
== Varietà ==
La varietà contenente [[magnesio]] in prevalenze sul [[ferro]] bivalente è detta [[magnesiocopiapite]].
 
La varietà contenente [[rame]] al posto del [[magnesio]] e del [[ferro]] bivalente è detta [[cuprocopiapite]].
 
 
== Bibliografia ==
*''Mineralogia'' - Cornelis Klein - Zanichelli (2004)
*''Minerali e Rocce'' - De Agostini Novara (1962)
*''Guida al riconoscimento dei minerali'' - Borelli e Cipriani - Mondadori (1987)
*''I minerali d'Italia'' - SAGDOS - 1978
*''Minerali e Rocce'' - Corsini e Turi - Enciclopedie Pratiche Sansoni (1965)
 
 
 
 
== Collegamenti esterni ==
423 477

contributi