Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione, 4 anni fa
m
ortografia
In ogni modo, al principio della [[storia degli Stati Uniti]], il monocameralismo non era fuori dal comune: anche se i tredici Stati originari (ad eccezione della [[Pennsylvania]]) avevano adottato il bicameralismo al tempo della [[storia degli Stati Uniti (1776-1789)#La Convenzione costituzionale|Convenzione di Philadelphia]], alcuni dei nuovi stati successivi non adottarono immediatamente questo sistema. Per esempio, il [[Vermont]] istituì il proprio Senato solo nel [[1836]].
 
Negli [[anni 1930|anni trenta]] del [[XX secolo]], il parlamento dello stato del [[Nebraska]] da bicamerale divenne monocamerale includendo anche i 43 membri che componevano precedentemente il senato dello stato. Uno degli argomenti usati per convincere i votanti del Nebraska ad accettare l'idea fu che con l'adozione di un sistema unicamerale sarebbero stati eliminati i rischi connessi alla "commissione di conferenza". Una commissione di conferenza è nominata quando le due camere non riescono a mettersi d'accordo su una proposta di legge; essa è composta da un piccolo numero di membri di entrambe le camere. Questo porta molto potere nellanelle mani di un piccolo gruppo di persone. Ciò che viene deciso dalla commissione deve poi essere approvato da entrambe le camere con un provvedimento da "prendere o lasciare".
 
Durante il suo mandato, il [[Governatore#Stati_Uniti_d.27America|governatore]] del [[Minnesota]], [[Jesse Ventura]] ha proposto di rendere monocamerale il parlamento del Minnesota eletto con un [[sistema proporzionale]], in modo da risolvere molte difficoltà legislative e combattere la corruzione. Nel suo libro ''Do I Stand Alone?'' (''Sono io da solo?''), Ventura sostiene che i parlamenti bicamerali per le aree provinciali e locali sono costosi non necessari e che il monocameralismo potrebbe risolvere i problemi legislativi e di bilancio degli stati.
422 646

contributi