Proton (lanciatore): differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
Il '''''Proton''''' (Прото́н) è un tipo di [[vettore (astronautica)|vettore spaziale]] [[URSS|sovietico]] collaudato la prima volta nel [[1965]] e tuttora utilizzato nelle missioni scientifiche e commerciali della [[Federazione Russa]].
 
La sua designazione formale è ''[[URFamiglia (missile)di lanciatori UR|UR-500]]'', ma è anche conosciuto come ''D-1''.
 
Il progetto del ''Proton'' era stato elaborato come un "super [[Missile balistico intercontinentale|ICBM]]", ovvero un missile balistico intercontinentale capace di trasportare una [[Arma nucleare|testata nucleare]] di 10 o più [[Megatone|Megatoni]] a una distanza di 12.000 [[Chilometro{{M|km]]12000|k|m}} (vederecome previsto dal programma [[GR-2]]). Le dimensioni del vettore, peraltro molto più grandi di quelle degli ICBM classici, non ne implicarono mai un uso militare, sfruttando l'ampia capacità per lanciare [[satellite artificiale|satelliti artificiali]] o [[sonda spaziale|sonde]] nello spazio.
 
Il ''Proton'' è il parto dell'ingegno dell'ufficio di design [[Vladimir Nikolajevič Čelomei|Vladimir Čelomei]], come riprogettazione del booster [[N1 (razzolanciatore)|N1]] di [[Sergej Pavlovič Korolëv]], con l'intento specifico di mandare una navicella [[Programma Zond|Zond]] attorno alla [[Luna]] con due uomini a bordo. Con la chiusura del programma [[Saturn V]], il ''Proton'' divenne il più imponente sistema di lancio in orbita fino all'implementazione del [[Energia (razzo)|razzo Energia]], che avvenne nel [[1987]].
 
Il carburante del razzo è una miscela di [[Idrazina|1,1-dimetilidrazina]] e [[Diossido di azoto|perossido di azoto]]. Questi [[Propellente ipergolico|liquidi ipergolici]] bruciano a contatto, eliminando la necessità di un sistema di ignizione. Vengono mantenuti a temperatura ambiente, senza quindi il bisogno di studiare materiali che reagiscano correttamente a basse temperature e permettendo al razzo di restare in rampa per un tempo indefinito, senza quindi dover preoccuparsi dell'evaporazione dei [[carburanti criogenici]]. Ciò non toglie, a ogni buon conto, che come propellente siano state scelte sostanze altamente tossiche.
Tra il primo volo del [[1965]] e il [[1970]], il ''Proton'' si è dimostrato un vettore decisamente inaffidabile, causando la perdita di molti veicoli spaziali. Nei primi [[anni 1970|anni settanta]] i difetti passarono al vaglio di uno staff di tecnici, che li risolsero rendendo il ''Proton'' un vero e proprio punto fermo dell'astronautica, utilizzato ancora oggi.
 
Questo tipo di razzo portò in orbita i primi voli spaziali circumlunari, le [[stazione spaziale|stazioni spaziali]] [[SalyutProgramma Saljut|Saljut]], il segmento esterno della [[Mir (stazione spaziale)|Mir]], eed entrambi i moduli russi [[Zarja]] e [[Zvezda (ISS)|Zvezda]] della [[Stazione Spaziale Internazionale]], oltre a una certa quantità di sonde per l'esplorazione di [[Venere (astronomia)|Venere]] e [[Marte (astronomia)|Marte]].
 
Attraverso il ''Proton'' vengono anche messi in orbita satelliti artificiali di tipo commerciale, gran parte dei quali gestiti dalla [[International Launch Services|ILS]].
 
Il 1º marzo [[2006]] un razzo ''Proton-M'' non riuscì a lanciare un satellite televisivo, ArabSat4. Dopo il distacco regolare del primo, secondo e terzo stadio, il modulo più alto non rispose ai comandi e non riuscì a piazzare ArabSat4 in [[orbita geostazionaria]]. Il registro degli errori segnalati è attualmente allo studio.
|-
| '''Proton K-1'''
|{{M|450510|k|g}}
|450,510 kg
|31, 100  kg
|{{M|10470|k|N}}
|10.470 kN
|{{M|316 ||s}}
|124  s
|267  s
|{{M|4.15 ||m}}
|7.,40  m
|21.,20  m
|[[Tetraossido di diazoto|N<sub>2</sub>O<sub>4</sub>]]/UDMH
| 6 x× RD-253-11D48
| 8S810K
|-
|'''Proton K-2'''
|167,&nbsp;828 kg
| 11,&nbsp;715 kg
| 2.&nbsp;399 kN
| 327 s
| 206 s
| 230 s
| 4.,15 m
| 4.,15 m
| 14.,00 m
| N<sub>2</sub>O<sub>4</sub>/UDMH
| 4 x× RD-0210
| 8S811K
|-
|'''Proton K-3'''
| 50,&nbsp;747 kg
| 4,&nbsp;185 kg
| 630 kN
| 325 s
| 238 s
| 230 s
| 4.,15 m
| 4.,15 m
| 6.,50 m
|N<sub>2</sub>O<sub>4</sub>/UDMH
| 1 x× RD-0212
| RD-0212
|-
|'''Proton K-4'''
| 22,&nbsp;170 kg
| 2,&nbsp;370 kg
| 83 kN
| 326 s
| 3,&nbsp;000 s
|
| 2.,50 m
| 4.,10 m
| 2.,61 m
| O<sub>([[Ossigeno liquido)</sub>|LOX]]/[[Cherosene|RP-1]]
| 1 x× RD58
| 11S824
|}
|-
| '''Proton KM-1'''
|{{M|450400|k|g}}
|450,400 kg
|31,&nbsp;000 &nbsp;kg
|{{M|1074000|k|gf}}
|1,074,000 kgf
|317 &nbsp;s
|108 &nbsp;s
|285 &nbsp;s
|7.,40 &nbsp;m
|7.,40 &nbsp;m
|21.,00 &nbsp;m
|N<sub>2</sub>O<sub>4</sub>/UDMH
| 6 x× RD-253-14D14
| In produzione
|-
|'''Proton K-2''' <br /> <small>8S811K</small>
|167,&nbsp;828 kg
| 11,&nbsp;715 kg
| {{M|244652|k|gf}}
| 244,652 kgf
| 327 s
| 206 s
| 230 s
| 4.,15 m
| 4.,15 m
| 14.,00 m
|N<sub>2</sub>O<sub>4</sub>/UDMH
| 4 x× RD-0210
| In produzione
|-
|'''Proton K-3'''
| 50,&nbsp;747 kg
| 4,&nbsp;185 kg
| {{M|64260|k|gf}}
| 64,260 kgf
| 325 s
| 238 s
| 230 s
| 4.,15 m
| 4.,15 m
| 6.,50 m
|N<sub>2</sub>O<sub>4</sub>/UDMH
| 1 x× RD-0212
| In produzione
|-
|'''Proton KM-4''' <br /> <small>Briz M</small>
| 22,&nbsp;170 kg
| 2,&nbsp;370 kg
| {{M|2000|k|gf}}
| 2,000 kgf
| 326 s
| 3,&nbsp;000 s
|
| 2.,50 m
| 4.,10 m
| 2.,61 m
|N<sub>2</sub>O<sub>4</sub>/UDMH
| 1 x× S5.98M
| In produzione
|}
 
== Voci correlate ==
* [[URFamiglia (missile)di lanciatori UR]]
 
== Altri progetti ==