Differenze tra le versioni di "Istituto Geografico Centrale"

integrazione milanese
(integrazione milanese)
== Storia ==
[[File:Espositore carte igc torino piazza san carlo.jpg |thumb|upright|Espositore con carte IGC a Torino ([[Piazza San Carlo (Torino)|piazza San Carlo)]].]]
Fu fondata da Giuseppe Candeletti nel 1952<ref>{{cita libro|cognome= Fondazione per il libro, la musica e la cultura |titolo= Salone del libro - catalogo espositori 2008 |anno= 2008 |editore= Officine Grafiche Editoriali Zeppegno |pagg = 165 }}</ref>, dopo un incontro con [[Vincenzo Visceglia]], editore e cartografo in Roma dal 1929, che gli consigliò un'editoria analoga alla sua, relativa a [[Torino]]. Nacque allora, oltre a diverse edizioni di piante della città, la ''Guida Toponomastica di Torino'' in scala 1:5.000. L'anno seguente IGC pubblicò l'Atlante di Milano in scala 1:500.000.<ref name=carat>{{cita libro
|titolo = A List of Geographical Atlases in the Library of Congress, Volume 6
|editore = [[Library of Congress]]
| anno = 1953
|accesso = 24-11-2014
| url = http://books.google.it/books?id=ELdMAQAAIAAJ&q=%22istituto+geografico+centrale%22+cartine&dq=%22istituto+geografico+centrale%22+cartine&hl=it&sa=X&ei=aBtyVL63EYTCywOplIDADA&ved=0CFcQ6AEwCQ
}}</ref>
 
Alcuni anni dopo nacque l'editoria relativa alla montagna. Dopo la carta del [[Parco Nazionale del Gran Paradiso]] furono pubblicate le altre carte in scala 1:50.000 che coprono l'arco alpino dalla Valle d'Aosta fino alla Liguria. Seguirono nella serie altre carte più dettagliate in scala 1:25.000 destinate agli scalatori e agli alpinisti che, oltre ai sentieri e le vie di ascensione, evidenziano anche gli itinerari di sci-alpinismo.