Differenze tra le versioni di "Manuele II del Portogallo"

m (Fix link)
Dal [[1911]] le forze monarchiche portoghesi che si trovavano in esilio si concentrarono in [[Galizia (Spagna)|Galizia]] da dove, con l'approvazione del governo spagnolo, si accordarono per penetrare in [[Portogallo]] e restaurare la monarchia. Il gruppo era guidato dal carismatico [[Henrique de Paiva Couceiro]], veterano delle campagne in Africa e l'unico ufficiale che aveva colpito audacemente il regime durante il colpo di Stato del 5 ottobre. Creduto da molti il paladino della restaurazione monarchica portoghese (così lo indicava una certa stampa repubblicana in patria), egli credeva fosse sufficiente puntare sulle masse insoddisfatte di contadini per riottenere il sostegno alla corona, ma gli eventi diedero prova che egli si sbagliava e molti dei raid organizzati dalla Galizia fallirono.
 
Manuele decise di appoggiare questi raid anche se durante i primi anni del suo esilio le risorse disponibili per la sua persona apparivano molto limitate. Inoltre questa prima incursione venevenne fatta sotto le insegne della bandiera blu e bianca del Portogallo ma senza la corona reale, ed era stata preceduta da un manifesto di Paiva Couceiro che identificava il movimento come un "neutrale" il quale si riprometteva di liberare il paese e chiedere poi un regolare plebiscito per chiedere al popolo di scegliere la forma di governo da adottare per lo stato. Ora, dal momento che Manuele II era stato un monarca che aveva giurato sulla costituzione, mai accettò di essere sottoposto ad un referendum, accettando unicamente una restaurazione che appoggiasse la costituzione del [[1826]].
 
La seconda incursione avvenuta nel [[1912]] fu meglio preparata ed ebbe un maggior successo della prima. Ciò era dovuto al fatto che il governo spagnolo, inchinandosi alla pressione diplomatica, aveva in un primo momento appoggiato fortemente gli squadroni galiziani, salvo poi ritirare il proprio appoggio. Manuele II riteneva che la forza non fosse il modo migliore per riconquistare il trono, ma questo orientamento non era ben visto dai monarchici radicali. Il re quindi si limitò ad aggravare l'anarchia nel paese di modo che si potesse far ritorno alla monarchia.
Utente anonimo