Differenze tra le versioni di "Istituto Geografico Centrale"

→‎Storia: beh, hai ragione, ''primi'' è un riconoscimento un po' esagerato e lo tolgo. anche se le tavolette della topografia dell'esercito sardo non erano destinate all'escursionismo.
(+senza fonte)
(→‎Storia: beh, hai ragione, ''primi'' è un riconoscimento un po' esagerato e lo tolgo. anche se le tavolette della topografia dell'esercito sardo non erano destinate all'escursionismo.)
Alcuni anni dopo nacque l'editoria relativa alla montagna. Dopo la carta del [[Parco Nazionale del Gran Paradiso]] furono pubblicate le altre carte in scala 1:50.000 che coprono l'arco alpino dalla Valle d'Aosta fino alla Liguria. Seguirono nella serie altre carte più dettagliate in scala 1:25.000 destinate agli scalatori e agli alpinisti che, oltre ai sentieri e le vie di ascensione, evidenziano anche gli itinerari di sci-alpinismo.
 
{{chiarire|LAll'Istituto geografico Centrale è stato definito tra i ''primi tracciatori di cartine per queste regioni alpine e appenniniche del nord ovest italiano'', e viene riconosciuto il ruolo che per molti decenni ha avuto nell'aiutarecome ''generazionisupporto di escursionisti a fare ottime gite'all'[[escursionismo]].<ref>''VALLI MAIRA, GRANA, STURA'', recensione su ''Alpinia.net'' on-line su [http://www.alpinia.net/editoria/recensioni/rec_scheda.php?id=1661 www.alpinia.net] (consultato nel novembre 2014)</ref>|La fonte citata, oltre ad utilizzare toni eccessivamente promozionali, non appare affidabile dato che le prime carte dettagliate della zona di cui si abbia conoscenza sono state pubblicate in periodo preunitario dall'Ufficio Tecnico del Corpo di Stato Maggiore  del Regno Sardo}}
Le carte IGC in scala 1:50.000 erano ancora riconosciuteconsiderate, nel 2012, come le uniche che coprissero l'intero [[Piemonte]].<ref>''... le intramontabili carte dell’Igc, Istituto geografico centrale, in scala 1:50.000, le uniche che coprono l’intera regione''; ''LIBRI DI MONTAGNA IN CITTÀ'', [[Compagnia di San Paolo]], articolo su [http://www.torinoelealpi.it/i-libri-di-montagna-a-torino/ www.torinoelealpi.it] (consultato nel novembre 2014)</ref> Nonostante la grande diffusione alcune fonti rilevano però come esse a volte, anche se dettagliate, non siano sufficientemente aggiornate.<ref>''Quaderno di Escursionismo n° 2 - GPS - MS Mountain'', in .pdf su [http://www.msmountain.it/varie/quaderni/quaderno02v1.3-gps.pdf www.msmountain.it] (consultato nel novembre 2014)</ref>
 
== Le guide IGC ==