Differenze tra le versioni di "Energia di punto zero"

+Voci correlate
(+Voci correlate)
In fisica, l''''energia di punto zero''' (in inglese, zero-point energy, ZPE) è il più basso livello energetico possibile in un sistema quantistico.
 
== Basi fisiche ==
Dal [[principio di indeterminazione]] di Heisenberg deriva che il [[vuoto (fisica)|vuoto]] è permeato da un mare di [[fluttuazione quantistica|fluttuazioni quantistiche]] che creano coppie di particelle e anti-particelle virtuali che si annichilano in un tempo inversamente proporzionale alla propria [[energia]]. Il contributo complessivo all'[[energia del vuoto]] risulta così diverso da zero e pari a
 
 
Nella [[teoria quantistica dei campi]], il termine ''energia di punto zero'' è sinonimo di [[energia del vuoto]]. L'esistenza di una [[energia]] non nulla associata al vuoto è alla base dell'[[effetto Casimir]], previsto nel 1947 e confermato sperimentalmente. Altri effetti derivanti dall<nowiki>'</nowiki>''energia di punto zero'' sono la [[Forza di van der Waals]], lo [[spostamento di Lamb|spostamento di Lamb-Retherford]], la spiegazione dello spettro di [[radiazione di corpo nero]] di Planck, la stabilità dello [[stato fondamentale]] dell'atomo di idrogeno dal collasso radiativo, l'effetto delle cavità di inibire o aumentare l'[[emissione spontanea]] di fotoni dagli atomi eccitati e la [[radiazione di Hawking]] responsabile dell'evaporazione dei [[buchi neri]].
 
== Voci correlate ==
* [[Spostamento di Lamb]]
 
== Bibliografia e fonti==
* John Gribbin; ''Q is for Quantum - An Encyclopedia of Particle Physics'', Touchstone Books (1998). ISBN 0-684-86315-4
* Sciama, D. W. (1991)., Simon Saunders and Henry R. Brown, eds; ''The Philosophy of Vacuum'', Oxford: Clarendon Press (1991).
 
== Collegamenti esterni ==
* {{en}} Philip Yam, "[http://www.padrak.com/ine/ZPESCIAM.html Exploiting Zero-point Energy]", ''Scientific American Magazine'', dicembre 1997, pp. 82-85.
 
163

contributi