Differenze tra le versioni di "Piroelettricità"

via stub
m (Aggiungo {{Thesaurus BNCF}} si veda http://it.wikipedia.org/wiki/Discussioni_progetto:Coordinamento/Bibliografia_e_fonti#Collaborazione_come_Biblioteca_Nazionale_di_Firenze per segnalazioni)
(via stub)
{{S|elettromagnetismo|scienza dei materiali}}
 
La '''piroelettricità''' (o '''effetto piroelettrico''') è l'effetto per cui si forma un temporaneo accumulo di [[carica elettrica|cariche elettriche]] di segno opposto (e quindi di una [[differenza di potenziale]]) sulle facce opposte di certi cristalli in risposta ad un cambiamento di [[temperatura]]. L'accumulo avviene su facce ortogonali rispetto ad un [[asse di simmetria]] noto come asse termico. La faccia che viene caricata positivamente viene chiamata "polo analogo", mentre la faccia opposta è detta "polo antilogo". Tutti i cristalli che sono piroelettrici sono anche [[piezoelettrico|piezoelettrici]], e alcuni sono [[ferroelettricità|ferroelettrici]].
 
L'accumulo avviene su facce ortogonali rispetto ad un [[asse di simmetria]] noto come asse termico. <br>La faccia che viene caricata positivamente viene chiamata "polo analogo", mentre la faccia opposta è detta "polo antilogo". <br>Tutti i cristalli che sono piroelettrici sono anche [[piezoelettrico|piezoelettrici]], e alcuni sono [[ferroelettricità|ferroelettrici]].
 
Esistono due tipi di piroelettricità:
23 154

contributi