Giovanni Minoli (Risorgimento): differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
(→‎Biografia: aggiornati riferimenti e aggiunto uno che dimostra che l'albero era un pioppo e non un frassino)
Nessun oggetto della modifica
|Attività = patriota
|Nazionalità = italiano
|FineIncipit=meglio noto come «'''la piccola vedetta lombarda'''», è un personaggio del [[risorgimento italiano]] ricordato in forma romanzata nel [[libro Cuore|libro "''Cuore''"]] di [[Edmondo De Amicis|De Amicis]], di cui, solo nel 2009, si sarebbe scoperta la reale identità<ref name=BerniniSalernoIoSono/><ref name=LaStampa>{{cita web|url= http://archivio.lastampa.it/LaStampaArchivio/main/History/tmpl_viewObj.jsp?objid=9288982|titolo= L'ultimo mistero del libro Cuore Identificata la ''piccola vedetta lombarda'' Si chiamava Giovanni Minoli, fu ucciso a Montebello L'eroe bambino cantato da De Amicis|editore= Torino, La Stampa.it|data= 13 maggio 2009|accesso= 27-1-2010}}</ref>
|Immagine = Cuore - pic 9.png
|DimImmagine=
 
== Biografia ==
Nato da Carlo Antonio e da Carolina Valle<ref name=LaStampaBerniniSalernoIoSono />, rimasto orfano in giovane età, venne accolto come [[famiglio]] in un'azienda agricola della campagna di [[Voghera]].
 
Il 20 maggio [[1859]], durante le prime fasi della [[Battaglia di Montebello (1859)|battaglia di Montebello]], Minoli salì in cima a un [[Populus alba|pioppo]], posto nelle vicinanze della ''cascina Scortica''<ref name=LaStampaBerniniSalernoIoSono /> ove abitava, allo scopo di fornire informazioni ad un reparto di cavalleggeri dell'esercito sardo in avanscoperta, circa la possibile presenza di reparti austriaci.
 
Dopo che ebbe comunicato la posizione delle [[Storia dell'esercito austriaco dopo le riforme di Francesco Giuseppe|truppe nemiche]], il ragazzo fu individuato da queste ultime e centrato al petto da un colpo di fucile austriaco.
La grave ferita al [[polmone]] e la pochezza delle tecniche mediche del tempo, portarono Minoli alla morte dopo sei mesi di sofferenze, nel dicembre 1859, fino all'ultimo giorno vegliato da soldati piemontesi e francesi.
 
La vicenda venne raccontata dallo scrittore [[Edmondo de Amicis]], con alcune varianti (in primis si legge di un frassino mentre nella realtà si trattava di un pioppo<ref name=BerniniSalernoIoSono>{{Cita libro|autore = Fabrizio Bernini, Daniele Salerno|titolo = Io sono la Piccola Vedetta Lombarda|anno = 2009|editore = Falco Editore|città = Cosenza}}</ref><ref name=CuoreRepubblica/>), nel libro [[Cuore (romanzo)#La piccola vedetta lombarda|Cuore]] e divenne celeberrima, ma fu sempre considerata come frutto della fantasia del romanziere, generato nel quadro dell'imperante retorica risorgimentale che, in quegli anni, pervadeva la [[letteratura italiana]].
 
Nel [[2009]] gli storici [[Fabrizio Bernini]] e [[Daniele Salerno]] hanno portato a termine e pubblicato una minuziosa ricostruzione del fatto, basata sui documenti d'archivio dell'epoca, che conferma la reale esistenza di Giovanni Minoli e la sua tragica fine<ref name="CuoreRepubblica">{{cita web
Utente anonimo