Diritto internazionale privato: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
m (smistamento lavoro sporco e fix vari)
Nessun oggetto della modifica
{{F|diritto internazionale|marzo 2013}}
Il '''diritto internazionale privato''' è una branca autonoma dell’[[ordinamento giuridico]] statale. Esso concerne, nella sua accezione più ristretta, l'insieme di regole atte a individuare il diritto sostanziale applicabile alle fattispecie che presentino significative connessioni con diversi sistemi giuridici nazionali ede a stabilire le regole per l'eventuale totale o parziale riconoscimento in Italia di sentenze di Autorità Giudiziarie straniere.
 
Tale è la funzione svolta in quest'ambito delle cosiddette "norme di conflitto", disposizioni strumentali in quanto non finalizzate alla disciplina materiale del rapporto giuridico: in altri termini, le norme di diritto internazionale privato individuano la lex causae in base alla quale regolare rapporti che presentino elementi di estraneità rispetto all'ordinamento statale nel quale è sorta la questione (per esempio: un contratto di affitto di un immobile situato in [[Italia]] di proprietà di un cittadino francese, concluso con un cittadino tedesco, rispetto al quale sorge una questione relativa alla manutenzione straordinaria dello stesso).
L'espressione "diritto internazionale privato" venne coniata, per la prima volta, dal [[giurista]] [[statunitense]] [[Joseph Story]] nell'opera "Commentaries on the conflict of laws", edita nel [[1834]]. Ciononostante già precedentemente era sorta l'esigenza di predisporre una disciplina giuridica speciale per i rapporti economico-sociali che coinvolgevano beni o soggetti collocati nell'ambito di più comunità politiche. Fu col contributo di Story, del [[Savigny]] e di [[Pasquale Stanislao Mancini]] che nel XX secolo, anche grazie all'effetto delle varie codificazioni giuridiche, si formò l'effettiva disciplina del diritto internazionale privato.
 
La posizione di Story, più pragmatica, si rifaceva essenzialmente al rispetto reciproco da parte degli Stati in considerazione dei vantaggi che ottenevano dall'applicazione di una norma piuttosto che da quella straniera. Savigny invece tentò di trovare un nucleo di regole universalmente valide per le varie comunità grazie al quale risolvere ogni problema di coordinamento: tale approccio è estremamente più complesso e dogmatico e basato sullo stabilire un criterio col quale ricondurre i rapporti ada un ordinamento specifico. Anche Mancini seguì sostanzialmente questa scia individuando alcuni criteri, come nazionalità, libertà e sovranità.
 
== Caratteristiche ==
In un'accezione più estesa, il diritto internazionale privato disciplina anche questioni di "diritto processuale civile internazionale", qualicome la delimitazione della [[giurisdizione]] del [[giudice]] statale, ede i presupposti dell'efficacia e dell'esecuzione forzata delle [[sentenza|sentenze]] straniere e degli [[atto|atti]] pubblici resi all'estero da autorità straniere.
 
A differenza del [[diritto internazionale pubblico]], le norme di diritto internazionale privato, nella loro accezione ristretta o estesa, fanno generalmente parte dell'[[ordinamento giuridico]] interno dei singoli stati nazionali, in quanto sono emanate dai rispettivi organi legislativi e destinate ada essere vincolanti esclusivamente in essi.
 
Vanno naturalmente fatti salvi i casi in cui le norme di diritto internazionale privato sono contenute in [[trattati internazionali]] cui l'ordinamento interno si adegua tramite il procedimento di adesione e di esecuzione, oppure i casi di disposizioni normative coniate da organismi sovranazionali cui un determinato ordinamento statale appartiene (come ad esempio gli organismi comunitari europei).
 
In entrambe queste ipotesi, la disciplina di conflitto sarà uniforme tra tutti gli Stati aderenti ada una determinata convenzione di diritto internazionale privato o comunque tenuti all'applicazione di una fonte normativa di origine sovranazionale.
 
== Nel mondo ==
* Ballarino, ''Diritto internazionale privato'', (Padova, Cedam, III ed., 1999)
* Barel - Armellini, "Diritto internazionale privato, (Manuale breve)", (Milano, Giuffrè, ult. ed. 2008)
* Bariatti (a cura di), ''Commentario - Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato, (L. 31 maggio 1995, n. 218)'', in ''Le nuove leggi civili commentate'', (1996, n. 5-6)
* Boschiero, ''Appunti sulla riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato,'' (Torino, Giappichelli, 1996)
* Boschiero, ''Il coordinamento delle norme in materia di vendita internazionale'' (Padova, Cedam, 1991) - Studi e pubblicazioni della Rivista di diritto internazionale privato e processuale
* Boschiero, ''La lex mercatoria nell’era della globalizzazione: considerazioni di diritto internazionale pubblico e privato'', in: Sociologia del diritto, {{ISSN|0390-0851}}. - 2005:2-3 (2005), p. 83-155
* Mengozzi, ''Il diritto internazionale privato italiano ''(Napoli, Editoriale scientifica, 2004)
* Mosconi, Diritto internazionale privato e processuale, I, Parte generale e contratti,'' (Torino, Utet, 1996)
* Salerno, ''Giurisdizione ed efficacia delle decisioni straniere nel regolamento (CE) n. 44/2001'' (Padova, CEDAM, 2003)
 
== Voci correlate ==
Utente anonimo