Differenze tra le versioni di "Ailoche"

15 byte aggiunti ,  5 anni fa
nessun oggetto della modifica
}}
'''Ailoche''' (''Anlòche'' in [[Lingua piemontese|piemontese]]) è un [[comune italiano]] di 330 abitanti della [[provincia di Biella]], situato al confine nord-orientale della stessa, in [[Piemonte]].
 
Fa parte della [[Comunità montana Val Sessera, Valle di Mosso e Prealpi Biellesi]]. È raggiungibile dalla strada che da [[Crevacuore]] porta all'Alpe di [[Noveis]].
 
== Geografia e toponimo ==
 
Il territorio comunale si sviluppa sui due versanti di un [[contrafforte]], occupando verso est la valle del [[torrente]] [[Strona di Postua]], e verso ovest la valle del [[Rio Bodro]]. Il paese possiede anche delle frazioni, concentrate soprattutto nella parte meridionale, mentre a nord, ricca di pascoli e montagne, viene descritta dallo scrittore [[Cesare Bozzo]] come un luogo interessante per passeggiate alpinistiche. Grazie all'intraprendenza di un alpigiano che ha creato un laghetto artificiale la località è divenuta ancora più interessante con le acque di un torrente che discende da quelle alture. Numerose sono le frazioni che costituiscono l'ossatura del paese e che sono punto di partenza per escursioni attraverso boschi ricchi di [[castagno|castagne]] e [[fungo|funghi]].
 
 
== Storia ==
 
Non annovera fatti di rilievo: l'abitato risale al [[Medioevo]] fece parte all'inizio al comune di [[Crevacuore]]; nel [[1598]] cadde sotto il dominio del principato di [[Masserano]] e successivamente nel [[1741]], passò a far parte degli stati del re di Sardegna. Nel [[1742]] gli abitanti di Ailoche prestarono giuramento a [[Carlo Emanuele III]].</br> Il paese diede i natali al [[Beatificazione|beato]] [[Giacobino Canepacio]], nato nell'anno [[1438]] nella frazione di [[Piasca]], ai tempi in cui il borgo era composto da poche capanne di pastori. Entrò in età giovanile nell'ordine dei [[Ordine della Beata Vergine del Monte Carmelo|Carmelitani]] di [[Vercelli]]. Nella chiesa della Vergine del Carmine il beato svolgeva il compito di accogliere e procurare tutto il necessario ai pellegrini di passaggio, oltre che assistere i carcerati.</br> Condusse una vita di preghiera e di digiuni e morì il 3 marzo [[1508]] dopo aver trascorso gli ultimi anni di vita in [[convento]].</br> Nel borgo di Ailoche la casa che gli diede i natali è stata adibita a cappella.
 
== Monumenti ==
 
[[File:Santuario della Brugarola-9-10-06 105.jpg|thumb|left|Il [[santuario della Brugarola]]]]
 
 
== Economia ==
 
L'economia del paese era una volta basata sulla [[pastorizia]] e sull'[[agricoltura]], più recentemente sviluppata con gli allevamenti di [[Struzzo|struzzi]],
 
ha subito notevoli mutamenti grazie alla nascita e alla crescita di adiacenti centri industriali, mentre dal punto di vista turistico Ailoche è divenuta luogo di villeggiatura.
 
==Società==
=== Evoluzione demografica ===
{{Demografia/Ailoche}}
 
6 257

contributi