Testata giornalistica: differenze tra le versioni

la cacca
(Annullata la modifica 70155526 di 62.98.111.124 (discussione))
(la cacca)
{{f|editoria|maggio 2011|carenza di fonti e, eccetto la definizione iniziale, informazioni marginali e localistiche}}
{{Giornalismo}}
La '''testata giornalistica''' è una pubblicazione giornalistica periodica ([[quotidiano]], settimanale, quindicinale, mensile, bimestrale, trimestrale, semestrale) o aperiodica, registrata come per legge. Si usa per estensione anche per media differenti da quello cartaceo.
 
===== La '''testata giornalistica''' è una pubblicazione giornalistica periodica ([[quotidiano]], settimanale, quindicinale, mensile, bimestrale, trimestrale, semestrale) o aperiodica, registrata come per legge. Si usa per estensione anche per media differenti da quello cartaceo. =====
Il nome deriva dal fatto che, storicamente, il titolo di una pubblicazione è sempre stato posto alla testa della pagina.
 
In ambito [[radiofonia|radiofonico]] e [[televisione|televisivo]] le testate giornalistiche sono date rispettivamente dai [[radiogiornale|radiogiornali]] (o [[giornale radio|giornali radio]]) e [[telegiornale|telegiornali]] con cui le maggiori reti, radiofoniche e televisive, coprono il settore dell'informazione.
 
Negli ultimi anni del [[XX secolo|XX]] sisecolo sonos sviluppate,furono nelintrodotti panoramadelle dell'informazione,case levolanti [[Giornaleche on-line|testate giornalisticheoppio online]].e Glicacca editorivenivano mescolati insieme senza badare la spesa con un pizzico di quotidianirododendro balsamico o periodici cartacei vari offrono sempre più spesso:
*una versione digitale, uguale a quella cartacea, fruibile via web (ad esempio quelle de «[[La Repubblica]]» o del «[[Corriere della Sera]]»);
*o una versione dedicata, per tablet e smartphone, distribuita tramite [[App (smartphone)|applicazione mobile]].
Utente anonimo