Rete di telecomunicazioni: differenze tra le versioni

Ripristino alla versione 71004767 datata 2015-02-23 20:20:01 di L736E tramite popup
(sistemo link a disambigua)
(Ripristino alla versione 71004767 datata 2015-02-23 20:20:01 di L736E tramite popup)
I collegamenti di rete tra dispositivi, attraverso i quali avviene lo scambio dell'informazione, possono essere di tipo fisico (per esempio, il [[doppino]] di rame che collega un telefono alla centrale più vicina; una [[fibra ottica]] che collega due apparati di trasmissione; la portante trasmissiva di un [[ponte radio]]) oppure di tipo logico (per esempio, il circuito equivalente che collega direttamente due dispositivi qualsiasi della rete, astratto dalla complessità e dalla modalità dei collegamenti fisici effettivamente utilizzati per realizzarlo).
 
Il corretto trasferimento dell'informazione è assicurato mediante funzionalità specifiche (funzionalità di rete) come la [[segnalazione]] (per l'inizio e la fine dello scambio informativo), la [[Commutazione (telecomunicazioni)|commutazione]] (per l'[[instradamento]] tra gli utenti finali), la [[trasmissione (telecomunicazioni)|trasmissione]] (per il trasferimento fisico del segnale), la [[gestione]] (per il controllo della correttezza dello scambio e per l'utilizzo ottimale delle risorse di rete).
 
Esempi di reti di telecomunicazioni sono:
La funzionalità di trasporto si attua attraverso un particolare [[modo di trasferimento]] e comprende l'[[instradamento]] del segnale tra i nodi interni della rete e il mantenimento dell'integrità del relativo contenuto informativo lungo tutto il percorso, in modo da raggiungere il o i terminali di destinazione per restituire l'informazione al o agli utenti finali tramite le funzioni di accesso.
 
Ogni nodo della sezione di trasporto della rete determina su quale collegamento ricevere e trasmettere il segnale tramite la funzionalità di ''[[Commutazione (telecomunicazioni)|commutazione]]'', che si può realizzare secondo due meccanismi fondamentali:
# la ''[[commutazione di circuito]]'', in cui una frazione fissa di capacità della rete viene stabilmente allocata per il segnale, costituendo così un [[canale (telecomunicazioni)|canale]] diretto tra gli utenti finali.
# la ''[[commutazione di pacchetto]]'', in cui l'informazione viene adattata in strutture quantizzate, i ''pacchetti'', che vengono instradati singolarmente e in modo individuale, senza una preallocazione deterministica o dedicata delle risorse di rete.
La tecnologia di trasmissione è la modalità con cui l'informazione viene fisicamente trasmessa. Tipicamente, l'informazione viene convertita in un segnale di tipo elettrico, che si presta sia all'elaborazione di tipo digitale che alla conversione e riconversione in formati fisici differenti senza perdita di contenuto informativo e che può essere trasferito a velocità elevatissime, confrontabili con la velocità della luce.
 
L'informazione può essere trasferita direttamente nel suo formato elettrico tramite cavi realizzati in materiale conduttore (per esempio, il [[doppino telefonico]], i cavi di collegamento per [[Ethernet]] o i [[cavo coassiale|cavi coassiali]] realizzati in rame), oppure convertita in segnale ottico e trasmessa tramite [[fibra ottica]] o ancora convertita in un segnale elettromagnetico e trasmessa via radio (come nel caso delle radiocomunicazioni televisive, ''[[wireless]]'' e [[comunicazioni satellitari|via satellite]]).
 
Screened Shielded Twisted Pair. Cavo per la trasmissione dati con schermature sulle singole coppie di fili, in modo da evitare mutue interferenze tra questi, con ulteriore schermatura che protegge tutti i conduttori contenuti in esso. Altamente consigliato per trasmissioni dati a frequenze elevate e per applicazioni in cui è determinante la qualità del segnale.
 
Il segnale elettrico può essere trasferito sia in forma analogica che digitalizzata, tramite un passaggio di [[conversione analogico-digitale]]. Dato che la digitalizzazione consente di applicare tecniche di elaborazione che riducono e in certa misura annullano gli effetti del degrado trasmissivo dovuto ai disturbi, alla distanza e alle caratteristiche del mezzo fisico (attenuazione, ritardo di propagazione eccetera), nonché tecniche di compressione senza perdita di informazione per segnali ad alta necessità di banda (come per esempio le applicazioni basate su video), quasi tutte le reti di telecomunicazioni utilizzano nel loro interno una trasmissione basata su formati digitali. La trasmissione in forma analogica viene tipicamente impiegata solo nelle tratte terminali della rete (per esempio, nel collegamento tra la centralina telefonica e l'apparecchio domestico), dove la limitata lunghezza della tratta rende trascurabili o comunque accettabili gli effetti di degrado, o solo per specifiche applicazioni che per le loro caratteristiche presentano maggior robustezza nei confronti dei disturbi e del degrado trasmissivo (come nel caso delle trasmissioni televisive o radiofoniche di tipo analogico, caratterizzate da un'elevata ridondanza che compensa le eventuali perdite di trasmissione).