Differenze tra le versioni di "Diffusore acustico"

(→‎Tecniche costruttive: alcune correzioni di sostanza, qualche rimedio ai periodi torrenziali, eliminazione dissertazioni fuori tema e una doverosa richiesta di fonti)
 
== Diffusore attivo ==
Per le esigenze del mercato professionale alcuni costruttori hanno integrato all'interno della cassa anche l'[[amplificatore]] definendo il sistema ''diffusore attivo''. Il diffusore attivo è molto apprezzato da chi lavora in esterni per la compattezza, la facilità di trasporto e il ridotto cablaggio che presenta. Nel mercato ''consumer'' e amatoriale questo tipo di diffusore è presente in misura molto minore.
 
Il diffusore attivo è molto apprezzato da chi lo utilizza spesso per allestimenti temporanei, giacchè è un sistema singolo ''ready to play'' che necessita solo di corrente e del segnale da amplificare (per altro ulteriori elementi che hanno gratificato questo sistema sono state le recenti innovazioni ''accessibili'' nell'ambito dei collegamenti wireless, e i gruppi di energia a batteria di ridotte dimensioni con - in proporzione - discreta durata); per contro in certi ambiti risulta negativo il suo peso maggiore (contenendo anche tutta l'amplificazione) e la necessità di portare il pericoloso cavo corrente e il fragile cavo segnale in luoghi in cui il solo (robusto) cavo di amplificazione sarebbe preferibile (es: palco di concerti, installazioni all'aperto o in altezza).
La qualità del suono in un diffusore attivo e uno passivo è sostanzialmente identica, essendo la sistemazione dell'amplificatore all'interno oppure all'esterno del diffusore, ininfluente sulla qualità del suono. Fanno eccezione i sistemi attivi [[equalizzazione|equalizzati]], i quali possono essere utilizzati solo con le amplificazioni appositamente dedicate e già dotate di compensazione delle irregolarità della [[risposta in frequenza]].
 
Nel mercato ''consumer'' e amatoriale questo tipo di diffusore è apprezzato ovviamente per il suo ridotto ingombro complessivo, e questioni di peso e di cablaggio risultano meno importanti data la generale tipologia di installazione fissa (e al chiuso) quale sistema audio semi-pro casalingo o di home-video da pc.
 
La qualità del suono in un diffusore attivo e uno passivo è potenzialmente identica, essendo inoltre la sistemazione dell'amplificatore all'interno oppure all'esterno del diffusore percettivamente difficile da cogliere in contesti normali; inoltre il fatto che un determinato sistema di speaker sia pilotato da un sistema di equalizzazione e amplificazione espressamente studiato per lui rende la risposta in frequenza della cassa più affidabile, utile da avere come riferimento ben bilanciato rispetto a certi sistemi passivi, in cui i più disparati modelli di speaker possono essere pilotati da i più disparati amplificatori ed equalizzatori, anche senza un'adeguata calibrazione di potenza e di risposta in frequenza.
 
== Tecniche costruttive ==
Utente anonimo