Differenze tra le versioni di "Torcello"

1 byte aggiunto ,  5 anni fa
Annullata la modifica 71619872 di 79.17.86.16 (discussione)
(Annullata la modifica 71619872 di 79.17.86.16 (discussione))
Campagne archeologiche condotte all'inizio degli [[anni 1960]] hanno dimostrato che a Torcello era presente un insediamento sin dai primi secoli dell'[[Impero Romano]], nello stesso periodo in cui fioriva la vicina città di [[Altino (città romana)|Altino]]. Dopo una "pausa" nei secoli [[V secolo|V]]-[[VI secolo|VI]], in coincidenza con una fase di calamità naturali ([[Rotta della Cucca]]), il popolamento dell'isola riprese con vigore nel [[VII secolo]] con la realizzazione di alcune opere di bonifica e arginatura (palafitte, terrazzamenti, rassodamenti), che indirizzarono l'abitato verso una struttura urbana. Allo stesso periodo risalgono, inoltre, tracce di frutteti e vigneti, nonché di un'officina vetraria, che dimostrano una certa vivacità anche dal punto di vista agricolo e tecnologico<ref name=cracco>{{cita libro | coautori= Lellia Cracco Ruggini | capitolo= Acque e lagune da periferia del mondo a fulcro di una nuova "civilitas" | titolo= Storia di Venezia | volume= Vol. 1 - Origini, Età ducale | editore= Teccani | città= | anno= 1992 |url_capitolo= http://www.treccani.it/enciclopedia/origini-veneti-venezie-venezia-acque-e-lagune-da-periferia-del-mondo-a-fulcro-di-una-nuova_%28Storia-di-Venezia%29/}}</ref>.
 
Questi riscontri confermerebbero quanto riportato in una - discussa - iscrizione individuata su un muro della [[Cattedrale di Santa Maria Assunta (Torcello)|Cattedrale]], la quale testimonierebbe come l'edificazione della chiesa risalga al [[639]], ad opera di Maurizio, ''[[magister militum]]'' e governatore [[Impero Bizantino|bizantino]] della ''[[Venetia et Histria]]'' (con sede proprio a Torcello), secondo il volere dell'[[Esarcato di Ravenna|esarca di Ravenna]] [[Isacco (esarca)|Isacco]] e sotto gli auspici dell'imperatore [[Eraclio I]]<ref name=cracco/>.
 
Si può quindi concludere che lo sviluppo di Torcello si inserisca in quell'ottica politica bizantina, che intendeva rafforzare militarmente gli ultimi lembi d'Italia rimasti sotto il controllo dell'Impero dopo l'ascesa dei [[Longobardi]]. Nello stesso periodo si assiste, infatti, alla crescita dei preesistenti centri di [[Grado (Italia)|Grado]] e [[Equilio]], alla creazione del ''[[castrum]]'' di [[Rialto (Venezia)|Rivoalto]] e alla fondazione di [[Heraclia|Eraclea]], la quale, più tardi, subentrerà a Torcello come sede del governatore bizantino<ref name=cracco/>.