Differenze tra le versioni di "Mercato finanziario"

Wikificazione, rimozione POV
(spostamento in Borsa valori)
(Wikificazione, rimozione POV)
Un '''mercato finanziario''' è un luogo ideale nel quale vengono scambiati [[strumenti finanziari]] di varia natura a medio o lungo termine.
 
== Cenni storici ==
Un [[mercato]] finanziario consente il trasferimento del [[risparmio]] dai soggetti che lo accumulano (soprattutto le famiglie) ai soggetti che lo richiedono ([[impresa|imprese]]) (un analogo processo di trasferimento del risparmio da soggetti accumulatori a imprese è operato anche dal [[banca|Sistema Creditizio-Bancario]]).
Dal [[1998]] in tutte le Nazioni che aderiscono all'UE ed all'OCSE, i mercati regolamentari possono avere regolamenti interni e statutari decisi dalla società di gestione. Tale mercato finanziario è definito "SSO (Sistema di Scambi Organizzati)". L'unico SSO privato istituzionale (istituzionalizzato) fu il MAC - Mercato Alternativo del Capitale, dal [[2006]] rilevato da Borsa Italiana. Il primo SSO in Europa Continentale fu SmallXChange, società (Ldt) panamense con sede in Inghilterra.
I soggetti che richiedono liquidità sono definiti "soggetti in disavanzo finanziario" ed emettono strumenti finanziari ([[deposito bancario|depositi bancari]], [[Azione (finanza)|azioni]], [[Buono Ordinario del Tesoro|Buoni Ordinari del Tesoro]] ecc.) che cedono ai "soggetti in avanzo finanziario" in cambio di [[moneta]].
 
== Caratteristiche del mercato ==
Lo scambio tra strumenti finanziari e moneta consente la redistribuzione dei [[Rischio#Rischio in ambito economico-finanziario|rischi economici]], perché vengono assunti in parte dagli acquirenti degli strumenti finanziari. È possibile per questi ultimi cedere tali strumenti ad altri soggetti economici, scambiandoli nei mercati appositi.
Un mercato è caratterizzato da:
Esistono quindi mercati azionari, [[Obbligazione (finanza)|obbligazionari]], dei [[Strumento derivato|derivati]], delle [[Opzione (finanza)|opzioni]], dei [[warrant (finanza)|warrant]], ecc., ognuno con proprie regole e proprie caratteristiche.
 
* '''Determinate regole''' sulle modalità di ammissione degli strumenti finanziari e degli operatori, sullo svolgimento degli scambi;
== Tipi di mercato ==
* Un'''attività di supervisione''': che spesso è attribuita alla società che organizza il mercato, che collabora con l'autorità di controllo (in Italia è la [[Consob]]). La prima è più attrezzata per il controllo e fa segnalazioni alla seconda.
Con riferimento alla natura degli strumenti finanziari si distingue solitamente tra [[mercato creditizio]], [[mercato mobiliare]] e [[mercato assicurativo]]; con riferimento alla durata degli stessi si distingue tra [[mercato monetario]] e [[mercato dei capitali]], infine con riferimento al momento di emissione degli strumenti finanziari, si distingue tra [[mercato primario]] e [[mercato secondario]].
* Una propria struttura che funge da cornice organizzativa.
 
Un [[mercato]] finanziario consente il trasferimento del [[risparmio]] dai soggetti che lo accumulano (soprattutto le famiglie) ai soggetti che lo richiedono ([[impresa|imprese]]) (un analogo processo di trasferimento del risparmio da soggetti accumulatori a imprese è operato anche dal [[banca|Sistema Creditizio-Bancario]]). I soggetti che richiedono liquidità sono definiti "soggetti in disavanzo finanziario" ed emettono strumenti finanziari ([[deposito bancario|depositi bancari]], [[Azione (finanza)|azioni]], [[Buono Ordinario del Tesoro|Buoni Ordinari del Tesoro]] ecc.) che cedono ai "soggetti in avanzo finanziario" in cambio di [[moneta]].
Altre distinzioni possono essere fatte fra [[mercati cash]] e [[mercati derivati]], fra [[mercato ad asta]] e [[market maker]], fra [[mercato fisico]] e [[mercato telematico]], fra [[mercato pubblico]] e [[mercato privato]], fra [[mercato regolamentato]] e [[mercato over the counter]].
 
Lo scambio tra strumenti finanziari e moneta consente la redistribuzione dei [[Rischio#Rischio in ambito economico-finanziario|rischi economici]], perché vengono assunti in parte dagli acquirenti degli strumenti finanziari. È possibile per questi ultimi cedere tali strumenti ad altri soggetti economici, scambiandoli nei mercati appositi. Esistono quindi mercati azionari, [[Obbligazione (finanza)|obbligazionari]], dei [[Strumento derivato|derivati]], delle [[Opzione (finanza)|opzioni]], dei [[warrant (finanza)|warrant]], ecc., ognuno con proprie regole e proprie caratteristiche.
Dal [[1998]] in tutte le Nazioni che aderiscono all'UE ed all'OCSE, i mercati regolamentari possono avere regolamenti interni e statutari decisi dalla società di gestione. Tale mercato finanziario è definito "SSO (Sistema di Scambi Organizzati)".
* '''informativa''': capacità di riflettere sui prezzi tutte le informazioni disponibili. Se tutti avessero le stesse informazioni, modalità di interpretazione e propensione al rischio si arriverebbe a un punto deterministico, ma non è così. Un mercato efficiente deve quindi assicurare che nessuno abbia informazioni privilegiate, per questo esistono norme che colpiscono gli [[insider trading]] e i [[market abuse]].
 
== Classificazione ==
== Caratteristiche del mercato ==
Con riferimento alla natura degli strumenti finanziari si distingue solitamente tra [[mercato creditizio]], [[mercato mobiliare]] e [[mercato assicurativo]].
Un mercato è caratterizzato da:
* '''regole''' sulle modalità di ammissione degli strumenti finanziari e degli operatori, sullo svolgimento degli scambi;
* '''supervisione''': spesso è attribuita alla società che organizza il mercato, che collabora con l'autorità di controllo (in Italia è la [[Consob]]). La prima è più attrezzata per il controllo e fa segnalazioni alla seconda.
* '''microstruttura''': regole di dettaglio dell'operatività.
 
Con riferimento alla durata degli stessi si distingue tra [[mercato monetario]] e [[mercato dei capitali]].
Secondo l'ordinamento penale italiano la violazione di alcune delle suddette normative può dar luogo ad illeciti amministrativi o penali.
Infine, con riferimento al momento di emissione degli strumenti finanziari, si distingue tra [[mercato primario]] e [[mercato secondario]].
Nella seconda categoria spicca, per importanza, il delitto di [[manipolazione del mercato]]
 
Altre distinzioni possono essere fatte fra [[mercati cash]] e [[mercati derivati]], fra [[mercato ad asta]] e [[market maker]], fra [[mercato fisico]] e [[mercato telematico]], fra [[mercato pubblico]] e [[mercato privato]], fra [[mercato regolamentato]] e [[mercato over the counter]]. Si distinguono tre forme di efficienza:
== Operatori che partecipano al mercato ==
 
* '''tecnica''': capacità di avere bassi costi di transazione
* '''funzionale''': capacità di far incontrare domanda e offerta.
* '''informativa''': capacità di riflettere sui prezzi tutte le informazioni disponibili.
 
:In base all'efficienza informativa, è poi possibile distinguere fra mercati:
 
:* Mercati con efficienza '''debole'deboli'': (in cui i prezzi riflettono solo informazioni storiche),
:* Mercati con efficienza '''semiforte'semiforti'' (in cui i prezzi riflettono tutte le informazioni pubbliche, anche prospettiche)
:* Mercati con efficienza '''forte'forti'': (in cui i prezzi riflettono tutte le informazioni, anche quelle private).
 
== Gli operatori ==
Un mercato è il punto di incontro di tre attori diversi:
 
* '''[[investitore|investitori]]''', che acquistano e vendono [[strumenti finanziari]]
* '''emittenti''', che emettono titoli o strumenti finanziari
== Funzioni del mercato ==
I mercati hanno fondamentalmente 5 funzioni:
 
* '''finanziamento''', cioè permettere agli emittenti di cercare denaro sul mercato
* '''pricing dei titoli''': offrire in via continuativa un prezzo ai titoli
* '''trasferimento del controllo delle spa''', che avviene tipicamente con un'[[Offerta Pubblica di Acquisto]].
 
==Voci correlate==
== Efficienza del mercato ==
* [[Borsa valori]]
Si distinguono tre forme di efficienza:
* [[Strumenti finanziari]]
* '''tecnica''': capacità di avere bassi costi di transazione
* '''funzionale''': capacità di far incontrare domanda e offerta.
* '''informativa''': capacità di riflettere sui prezzi tutte le informazioni disponibili. Se tutti avessero le stesse informazioni, modalità di interpretazione e propensione al rischio si arriverebbe a un punto deterministico, ma non è così. Un mercato efficiente deve quindi assicurare che nessuno abbia informazioni privilegiate, per questo esistono norme che colpiscono gli [[insider trading]] e i [[market abuse]].
:In base all'efficienza informativa, è possibile distinguere fra
:* Mercati con efficienza '''debole''' (in cui i prezzi riflettono solo informazioni storiche),
:* Mercati con efficienza '''semiforte''' (in cui i prezzi riflettono tutte le informazioni pubbliche, anche prospettiche)
:* Mercati con efficienza '''forte''' (in cui i prezzi riflettono tutte le informazioni, anche quelle private).
 
== Collegamenti esterni ==
* [http://www.finanza-aperta.it finanza-aperta.it]
* {{Thesaurus BNCF}}
 
{{portale|economia|diritto}}
 
[[Categoria:Mercati finanziari| ]]
30 076

contributi