Differenze tra le versioni di "La luna è tramontata"

m (→‎Collegamenti esterni: Bot: +controllo di autorità)
Il [[popolo]] capisce che, se sarà ragionevole, sarà definitivamente conquistato, e per questo inizia una lenta [[guerra]] di nervi, di logoramento degli invasori, che infine comprendono di non essere solo [[soldato|soldati]], ma uomini, bisognosi di una parola gentile, di un saluto cordiale: sono stanchi di essere sempre e solo soldati, di essere sempre sull'attenti, di doversi sempre guardare le spalle nel timore di un [[attentato]].
 
== Trama del racconto ==
Il racconto è ambientato in [[Norvegia]]: un piccolo paese viene occupato dai [[germania|tedeschi]] e questo genera sorpresa negli abitanti, i quali, in un primo momento, non riescono a reagire all'invasione e si lasciano occupare senza resistenza.<br />
Passato il primo impatto, gli abitanti del paesino riscoprono il loro spirito di indipendenza e organizzano la ribellione, dapprima con episodi isolati di uccisioni di [[Germania|tedeschi]] e poi con una vera e propria resistenza armata.<br />
 
=== Il Colonnello Lanser ===
Egli vedevedette nettamente, con lucidità, la stupidità e la ottusità degli ordini che gli vengono impartiti, ma non può esimersi dall'obbedire: ''"Che noi si sia d'accordo o no, signore, questo è quello che bisogna fare"'' dirà al [[sindaco]]: e in questa sua accettazione del dovere, in cui tuttavia non crede, sta la drammaticità e il titanismo del suo ruolo.<br />
Ruolo ben diverso da quello del suo sottoposto, il tenente Loft, che invece crede in ogni sua [[molecola]] nel regolamento e nel suo ''status'' di militare.<br />
Il colonnello esegue quasi con disperazione il suo dovere, tratta quando deve trattare, uccide quando deve uccidere, ma è profondamente consapevole dell'inutilità delle sue azioni, e questa demotivazione (benché rigidamente controllata) fa sì che la sua stima nei confronti del [[sindaco]] cresca a dismisura, perché vede incarnata nel semplice, bonario sindaco Orden, la [[democrazia]] e la semplice adesione a dei principi accettati e vissuti dall'individuo e dalla [[società (sociologia)|società]] in cui vive, in un ''unicum'' vitale e in continuo progredire, mentre il suo "regolamento" non vede a un palmo dal suo naso e non porta null'altro che [[morte]] e distanza fra gli uomini.
Utente anonimo