Differenze tra le versioni di "Intonazione naturale"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  4 anni fa
nessun oggetto della modifica
Zarlino aggiunse ai rapporti di 2/1 ([[Ottava (musica)|ottava]]), 3/2 (quinta) e 4/3 ([[quarta (intervallo musicale)|quarta]]) anche quelli di [[terza maggiore]] e di [[terza minore]], corrispondenti rispettivamente ai rapporti 5/4 e 6/5 (da notare come tutti questi rapporti appartengano alla categoria dei ''numeri superpartientes'', cioè frazioni nelle quali il numeratore superi di un intero il denominatore). Gli intervalli restanti si ottenevano come semplice interpolazione di quelli già determinati: {{TA|1=[[Tono (intervallo musicale)|seconda maggiore]] = quinta − quarta}} {{TA|1== (3/2) / (4/3) = 9/8;}} {{TA|1=[[Sesta maggiore|sesta]] = quarta + terza maggiore}} {{TA|1== (4/3) × (5/4) = 5/3;}} {{TA|1=[[Settima maggiore|settima]] = quinta + terza maggiore}} {{TA|1== (3/2) × (5/4) = 15/8.}}
 
La scala costruita secondo l'intonazione naturale si fonda dunque su tre tipi d’intervallo: ''tono maggiore'' (9/8), ''tono minore'' (10/9) e ''semitono diatonico'' (16/15). La differenza tra tono maggiore e tono minore è detta [[comma (musica)|comma]] di Didimo (81/80), mentre la differenza tra la terza maggiore (5/4) e la terza minore (6/5) è il ''semitono cromatico'' (25/24). Tuttavia per trovare il [[Tritono|tritonetritono]] diatonico non è stata moltiplicata la quarta per 16/15 ma la quinta per 15/16, quindi andando a ritroso.
<br clear="all">
 
16

contributi