Differenze tra le versioni di "Paul Maas"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  5 anni fa
m
Bot: inserimento template categorie qualità; modifiche estetiche
m (Bot: Aggiungo template {{interprogetto}} (FAQ))
m (Bot: inserimento template categorie qualità; modifiche estetiche)
|Epoca = 1900
|Nazionalità = tedesco
|PostNazionalità =
|Immagine = Paul Maas by Stumpp.jpg
}}
 
== Biografia ==
Frequentò le scuole a Francoforte, Freiburg im Breisgau e Baden-Baden. Iniziò a studiare filologia classica presso l'[[Humboldt-Universität zu Berlin|Università di Berlino]] con [[Ulrich von Wilamowitz-Moellendorff]]. Si trasferì poi a [[Monaco di Baviera]], dove frequentò l'[[Università Ludwig Maximilian]], studiando letteratura bizantina con [[Karl Krumbacher]]. Nel 1910 iniziò a insegnare a Berlino, interrompendo gli studi allo scoppio della [[prima guerra mondiale]]. Nel 1920, molti mesi dopo la fine della guerra, tornò a Berlino, dove fu nominato professore straordinario. Negli anni seguenti passò alla Università di Königsberg. Nel 1934, dopo la presa del potere nazista, fu espulso dalla sua sede per motivi politici e visse in ritiro fino a quando nel 1939, poco prima dell'inizio della seconda guerra mondiale, decise di emigrare a Oxford. Qui lavorò come consulente presso la Clarendon Press (ora [[Oxford University Press]]), e visse poveramente di collaborazioni prestigiose ma incerte e poco remunerative (fu autore, tra l'altro, dei supplementi al ''Liddell and Scott's Lexicon''). Solo nel 1959 l'Università di Oxford gli riconobbe il dottorato onorario.
 
== Opere principali ==
* ''Textkritik'', Leipzig, B. G. Teubner, 1957 (ed. it. ''Critica del testo'', traduzione di Nello Martinelli; presentazione di [[Giorgio Pasquali]] e una nota di [[Luciano Canfora]], Firenze, F. Le Monnier, 1972
* ''Greek metre'', Oxford, Clarendon Press, 1962
* ''Kleine Schriften'', a c. di Wolfgang Buchwald, München, Beck, 1973
 
== Bibliografia ==
* ''A Select List of the Writings of Paul Maas 1901-50'', Oxford 1951
* Hugh Lloyd-Jones, ''Nekrologe'', "Gnomon" 37, 1965, pp. 219–221
* Werner Peek, "Jahrbuch der Deutschen Akad. d. Wiss. zu Berlin" 1964 (Berlin 1965), pp. 248–253.
* C. A. Trypanis, "Byzantinische Zeitschrift'' 58, 1965, pp. 284-285.
* Luigi Lehnus, ''Contributi inediti di P. Maas al testo di Callimaco: Un rapporto preliminare'', in: R. Pretagostini - E. Dettori, ''La cultura ellenistica. L'opera letteraria e l'esegesi antica''. Atti del convegno COFIN 2001. Roma 2004, pp. 425-436.
* Elio Montanari, ''La critica del testo secondo Paul Maas: testo e commento'', Firenze, SISMEL Edizioni del Galluzzo, 2003
 
== Altri progetti ==
[[Categoria:Bizantinisti]]
 
{{Linkcategorie VdQ|dequalità}}
494 378

contributi