Lago Don Juan: differenze tra le versioni

1 116 byte aggiunti ,  7 anni fa
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
|Didascalia mappa =
}}
Il '''lago Don Juan''' è un piccolo e poco profondo lago ipersalino situato nella [[Wright Valley]] nella regione orientale dell'[[Antartide]], nella zona delle [[Valli secche McMurdo]], a circa 9 chilometri ad ovest dal [[lago di Vanda]]. Lo specchio d'acqua si incunea tra la parte meridionale del monte Asgard Range e il versante nord del Dais. Sul lato ovest si trova un piccolo affluente e una caratteristica che è stato descritta come [[ghiacciaio roccioso]].
 
Con un livello di salinità del 40,2%, il lago Don Juan è considerato lo specchio d'acqua più salato conosciuto sulla Terra (a confronto il [[Mar Morto]] ha una percentuale di salinità del 23,1%, mentre la media degli oceani del globo si attesta sul 3,38%). A causa dell'alta concentrazione di sale, questo lago gela ad una temperatura di -53 °C.<ref name=Marion>{{cita pubblicazione|autore=G.M. Marion|titolo=A theoretical evaluation of mineral stability in Don Juan Pond, Wright Valley, Victoria Land|rivista=Antarctic Science|volume=Vol. 9|numero=01|pp=pp. 92–99|anno=1997|doi=10.1017/S0954102097000114|url=http://journals.cambridge.org/action/displayAbstract?fromPage=online&aid=220255|lingua=en}}</ref><ref>{{cita web|url=http://www.pbase.com/antarctic_suze/don_juan_pond|titolo=Don Juan Pond and Lake Vanda Photo Gallery by Suze at pbase.com}}</ref>
 
Il lago Don Juan fu scoperto nel 1961 e il suo nome deriva dai due piloti di elicottero, Don Roe e John Hickey, che partirono per studiare il laghetto<ref>{{cita news|titolo=Ricerca in Antartide svela meccanismi non biologici per la produzione di gas ad effetto serra|pubblicazione=gaianews.it|url=http://gaianews.it/scienza-e-tecnologia/ricerca-in-antartide-svela-meccanismi-non-biologici-per-la-produzione-di-gas-ad-effetto-serra-689.html|data=27 aprie 2010}}</ref>: durante tale prima esplorazione la temperatura era di -30 ° C e l'acqua si trovava allo stato liquido.
 
==Salinità==
Si ritiene che il lago Don Juan contenga un grado di salinità di oltre 18 volte superiore all'oceano (rispetto al Mar Morto che è 9,6 volte superiore rispetto a quella del mare). Il fatto che sia l'unico dei laghi ipersalini antartici che non gela quasi mai è un'indicazione del suo rango superiore di salinità tra i laghi di tutto il mondo.
 
È stata descritta inizialmente come una zona di scarico delle acque sotterranee ipersaline; tuttavia in base ad una ricerca scientifica del 2013 l'acqua salata deriva dall'umidità che sciogie il terreno roccioso circostante<ref>{{cita news|autore=Cristina Da Rold|titolo=Dal lago dell'Antartide la chiave per studiare Marte|pubblicazione=L'Unità|data=19 febbraio 2013
È stata descritta come una zona di scarico delle acque sotterranee.
url=http://www.unita.it/scienza/notizie/dal-lago-dell-antartide-la-chiave-per-studiare-marte-1.484312}}</ref>.
 
Gli ioni dominanti in soluzione sono calcio e cloruro. L'area intorno al lago Don Juan è ricoperta da sali di cloruro di sodio e cloruro di calcio che sono stati precipitati con l'evaporazione dell'acqua.
*{{cita pubblicazione|autore=Yamagata, N., T. Torii, S. Murata|titolo=Report of the Japanese summer parties in Dry Valleys, Victoria Land, 1963–65; V – Chemical composition of lake waters |rivista=Antarctic Record|volume=Vol. 29|pp=pp. 53–75|anno=|lingua=en}}
*{{cita pubblicazione|doi=10.1038/280828a0|autore1=B.Z. Siegel|autore2=G. McMurty|autore3=S.M. Siegel|autore4=J. Chen|autore5=P. Larock|titolo=Life in the calcium chloride environment of Don Juan Pond, Antarctica|rivista=Nature|volume=280|numero=5725|pp=828–829|data=30 agosto 1979 |url=http://www.nature.com/nature/journal/v280/n5725/abs/280828a0.html|lingua=en}}
*{{cita pubblicazione|autore=James L. Dickson, James W. Head, Joseph S. Levy, David R. Marchant|titolo=Don Juan Pond, Antarctica: Near-surface CaCl2-brine feeding Earth's most saline lake and implications for Mars|rivista=Nature|volume=|numero=|pp=|data=30 Gennaio 2013 |url=http://www.nature.com/srep/2013/130130/srep01166/full/srep01166.html|lingua=en|doi=0.1038/srep01166}}
 
==Collegamenti esterni==