Differenze tra le versioni di "L'araba fenice"

nessun oggetto della modifica
La conduzione del programma era stata affidata a [[Mazouz M'Barek]] e questa scelta del regista fu una provocazione, poiché si trattava di un immigrato proveniente dal [[Marocco]] totalmente inesperto nel suo ruolo e preso a caso per le strade cittadine, e Ricci voleva appunto provocare soprattutto il pubblico che in quel periodo non sopportava il fenomeno dell'[[immigrazione]], che in quegli anni cominciava ad avere una certa diffusione.{{senza fonte}}
 
Tra le numerose scene da ricordare vi sono le finte critiche artistiche e letterarie di [[Eva Robins]] che alla fine del suo commento stracciava sempre i dipinti o i libri, i film impegnati del regista sudamericano ''Montecucco'', interpretato da [[David Riondino]], l'investigatore privato ''Palombo'', alias [[Riccardo Pangallo]], le ''Storie di Croda'', storie di una cittadina immaginaria dell'[[Europa orientale]] interpretata dai [[Gemelli Ruggeri]] che parodiavano il cinema muto russo, [[Syusy Blady]] e [[Patrizio Roversi]] che, seguendo il filone iniziato nell'antesignano ''Lupo solitario'', intervistavano i parenti dei vip alla ricerca di un nuovo scoop, i disegnatori satirici [[Stefano Disegni|Disegni]] & [[Massimo Caviglia|Caviglia]], che illustrano le vicende di ''[[Scrondo]]'' (acronimo di ''Sc''orie ''R''adioattive ''O''ggetti ''D''istruttivi ''O''ltremodo), un [[Extraterrestre|alieno]] voracissimo trovato nei cassonetti della spazzatura che si diletta nel lancio di barattoli contro le telecamera e nella distruzione dello studio televisivo.
 
Faceva parte del cast anche un'esordiente [[Sabina Guzzanti]] che interpretava personaggi come la cantante ecologista Matylde, la bambina indemoniata, una ragazza petulante che ripeteva sempre la parola ''«Occhei»'', una parodia dell'antropologa [[Ida Magli]] e una suora vittima di apparizioni mistiche appena incrocia con lo sguardo lo Scrondo o la pornostar [[Moana Pozzi]], anch'ella riconfermata in seguito alla vicenda ''Matrjoska'', nuda.
Utente anonimo