Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione, 4 anni fa
in questa voce il termine "terapia" era troppo legato al ristretto ambito medico, quindi ho creato un'estensione agli altri ambiti distinguendoli tra loro. Inoltre il termine terapia non è soltanto sanitario e andava spiegato.
{{NN|medicina|giugno 2015}}
 
Il termine '''terapia''' deriva dal greco θεραπεία (therapeía) eed ha ilè significatosinonimo di cura. eIl puntaconcetto allapuò essere intenso nell'accezione di [[guarigione]], intesa come finalità, oppure nell'accezione di procedura verso la guarigione. EssaClassicamente solitamentela terapia segue una [[diagnosi]] ema siin occuparealtà delesiste anche una "terapia diagnostica" quando la stessa comunicazione della diagnosi produce un cambiamento nel paziente, ad esempio un cambiamento nello stile di vita. In ambito medico la terapia può intendersi come il trattamento di [[malattia|malattie]] e [[ferita|ferite]], e l'insieme dei metodi usati per la loro guarigione e per alienarnealleviarne i [[Sintomo|sintomi]].
Le terapie sono misure aventi lo scopo di:
* riportare uno stato patologico a uno stato sano o
* rendere sopportabile la manifestazione di sintomi disagevoli.
 
* la parola.
 
Le terapie vengono solitamente classificate in terapie [[Farmacologia|farmacologiche]] (o mediche), terapie [[Chirurgia|chirurgiche]] (queste due appartengono al medico nella legislazione italiana), terapie preventive (o [[profilassi]]), terapie di sostegno o supportive, terapie riabilitative, e terapie palliative che alleviano i sintomi ma non sono finalizzate alla guarigione (es. [[terapia del dolore]]).
Oggi le terapie tendono ad essere procedure (o [[protocollo di cura|protocolli di cura]]), aventi complessità anche elevata.
 
Il termine "terapia" è un termine di uso comune e non è comunque strettamente legato all'ambito sanitario. Il termine terapia va quindi aggettivato. A esempio Le terapia mediche (farmacologiche e chirurgiche) sono di competenza medica, le terapia psicologiche (terapia con la parola, schemi educativi, ecc.) e sono di competenza dello psicologo. Queste sono di tipo sanitario, in quanto riconosciute tali dalla normativa di riferimento (D.M. 17/05/2002 G.U. Serie Generale n.189 del 13-8-2002); mentre l'ippoterapia, la musicoterapia, ecc. non sono direttamente sanitarie.
Le terapie vengono solitamente classificate in terapie [[Farmacologia|farmacologiche]] (o mediche), terapie [[Chirurgia|chirurgiche]], terapie preventive (o [[profilassi]]) e terapie palliative ([[terapia del dolore]]).
 
== Terapie basate su prove ==
 
La '''medicina accademica''' si basa sul concetto di malattia, concepita come uno stato patologico dell'organismo, oggettivo e misurabile, che si discosta significativamente da certi limiti psico-fisioanatomici considerati normali e compatibili con una buona qualità e normale durata della vita. La terapia è qualunque procedura atta a limitare, eliminare o eliminaresopportare la malattia (ivi includendo la malformazione, il trauma, la devianza, la disfunzione, o il malessere), i suoi sintomi o i suoi fattori di rischio, o prevenirne le complicanze, per ripristinare possibilmente uno stato di salute e/o [[benessere]] e adattamento dell'individuo.
 
È caratteristico delle terapie attuali di essere sottoposte - mediante adeguati studi clinici - ad una verifica dell'efficacia nel conseguire questi risultati. Le migliori prove di tale efficacia sono considerate quelle derivanti da studi sperimentali controllati; su ciò si basa il movimento della "[[Medicina basata sull'evidenza]]" (Evidence based medicine).
Utente anonimo