Differenze tra le versioni di "Gene Roddenberry"

clean up, replaced: → (2), fans → fan , mila →  000, replaced: la a → l'a - removed useless underscore using AWB
(→‎Star Trek: Corretta grammatica)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile
(clean up, replaced: → (2), fans → fan , mila →  000, replaced: la a → l'a - removed useless underscore using AWB)
 
==Star Trek==
Roddenberry ideò Star Trek nel 1964 pensando a una combinazione delle due serie di fantascienza ''[[Buck Rogers (serie televisiva 1950)|Buck Rogers]]'' e ''[[Flash Gordon (serie televisiva 1954)|Flash Gordon]]'' con il nome inizialmente di "Wagon Train to the Stars". La fantascienza all'epoca era soprattutto prodotta per bambini, mentre Roddenberry invece pensò a una serie adatta anche ad un pubblico adulto. Anche se lui era sicuro del successo della serie, la sua visione dell'umanità futura, pacifica e unita, dava parecchi dubbi ai network televisivi sulle possibilità di successo.<ref name=Bio/> La serie fu offerta alla [[CBS]], che però non la l'accettò per favorire la loro serie ''[[Lost In Space]]''.
[[File:The_Shuttle_Enterprise_The Shuttle Enterprise -_GPN GPN-2000-001363.jpg|thumb|upright=1.5|left|Gene Roddenberry (al centro in marrone) con gli attori del cast di Star Trek davanti allo [[Space Shuttle Enterprise]]]]
 
Il primo episodio pilota, ''"[[Episodi_di_Star_Trek_Episodi di Star Trek (serie_televisivaserie televisiva)_ (prima_stagioneprima stagione)#Lo_zoo_di_TalosLo zoo di Talos|The Cage]]"'', non raccolse l'approvazione da parte della [[NBC]], che richiese diverse modifiche per mandare in onda altri episodi, come togliere la donna come Primo Ufficiale e il "ragazzo con le orecchie" (Spock). Tuttavia Roddenberry lottò strenuamente per mantenere il personaggio di Spock, che fu poi proposto come Primo Ufficiale del [[James Tiberius Kirk|Capitano Kirk]]. La NBC, in una scelta senza precedenti finanziò comunque un secondo pilota. La serie debuttò l'8 settembre 1966 e durò tre stagioni, anche se gli ascolti con il tempo calarono e dopo la terza stagione la serie venne cancellata. Nel 1970, la [[Paramount]] propose a Roddenberry di acquistare lui tutti i diritti di Star Trek, tuttavia Roddenberry non poteva permettersi il prezzo di 150 mila&nbsp;000 dollari, cifra considerevole all'epoca (quasi un milione di dollari nel XXI secolo).<ref name="davies2007">{{cita libro | titolo=NBC: America's Network | capitolo=The Little Program That Could: The Relationship Between NBC and Star Trek | editore=University of California Press | autore=Michele Hilmes, Michael Lowell Henry | anno=2007 |lingua=en| urlcapitolo=http://books.google.com/books?id=lhmw637JRgUC&pg=PA209#v=onepage&q&f=false | isbn=0-520-25079-6}}</ref><ref>{{cita web|autore=Gene Roddenberry|url=https://web.archive.org/web/20060924140423/http://www.ex-astris-scientia.org/misc/40_years/trek_pitch.pdf|titolo=Star Trek is..|data=11 marzo 1964|lingua=en|accesso=4 luglio 2014}}</ref><ref>{{cita|Orsini|p. 21}}</ref>
 
Roddenberry aveva una visione ottimistica del futuro, e come disse anche in seguito [[Brannon Braga]], co-produttore di Star Trek assieme a [[Rick Berman]] dopo la morte di Roddenberry, sosteneva che, come l'umanità si era creata i propri problemi, usando l'intelligenza in futuro li avrebbe risolti, con il passare dei secoli. Rifiutò anche l'intromissione della religione, come volevano i dirigenti del network televisivo, che suggerivano la presenza di un cappellano a bordo dell'[[nave stellare|Enterprise]]. Per Roddenberry non era giusto non considerare le altre religioni, in un mondo dove erano presenti innumerevoli razze aliene con ognuna le proprie credenze. Nella seconda serie, ''[[Star Trek: The Next Generation]]'' (TNG), risulta ancor più evidente il generale "[[ateismo]]" riguardo agli aspetti religiosi di Star Trek. TNG riflette maggiormente i concetti e la visione di Roddenberry sul futuro dell'umanità: il giovane Capitano Kirk, talvolta maschilista e violento, fu sostituito dal paziente ed erudito Capitano Picard <ref name=Bio>{{cita web|url=http://www.nndb.com/people/503/000022437/|titolo=Gene Roddenberry|editore=nndb.com|lingua=en|accesso=8 luglio 2014}}</ref>
 
Dopo l'apparente iniziale flop della serie originale Roddenberry ebbe qualche difficoltà, in parte anche a questioni economiche legate al divorzio dalla moglie avvenuto nel 1969. Tuttavia nonostante la cancellazione il mondo futuro di Star Trek aveva preso piede tra diversi gruppi di fan, chiamati [[Trekkie|trekker]], che negli anni settanta iniziarono a riunirsi in convegni di appassionati. Roddenberry assieme alla Paramount sviluppò così una [[Star Trek (serie animata)|serie animata]] nella prima metà degli anni settanta che ottenne un discreto successo. Successivamente si pensò ad una seconda serie dal titolo ''[[Star Trek: Phase II]]'', tuttavia la Paramount decise che, visto il successo al cinema di ''[[Star Wars]]'', sarebbe stato meglio produrre un film, uscito poi nel 1979, ''[[Star Trek: The Motion Picture]]''. Nonostante la critica fosse stata tiepida, il film fu un successo al botteghino, e considerando l'[[inflazione]], è stato il secondo film di Star Trek che ha più incassato tra quelli usciti fino al 2014, dopo il [[Star Trek (film 2009)|film del 2009]] di [[J. J. Abrams]]<ref>{{cita web|url=http://www.boxofficemojo.com/franchises/chart/?id=startrek.htm|editore=boxofficemojo.com|titolo=Star Trek|accesso=8 luglio 2014}}</ref>
 
Roddenberry produsse altri quattro film, mentre ideava negli anni ottanta la seconda e fortunata serie, ''The Next Generation''. Egli smise tuttavia di scrivere storie su TNG dopo la terza stagione, anche per l'aggravarsi della sua malattia cardiovascolare. Il richiamo del suo nome per i fansfan della serie era tuttavia notevole e la Paramount occultò la notizia che Roddenberry non era più coinvolto con la produzione della serie, che peraltro andrà in onda in prima tv per altri 3 anni dopo la sua morte.<ref>{{cita libro|autore=Henry Jenkins, John Tulloch|titolo=Science Fiction Audiences: Watching Star Trek and Doctor Who|editore=Taylor & Francis|lingua=en|anno=1995|isbn= 978-0-203-99339-2}}</ref>
 
== Dopo la morte ==
Dopo la sua morte gli eredi permisero la creazione di due fortunate serie televisive basate su alcune delle sue idee e soggetti rimasti inutilizzati. ''[[Pianeta Terra - Cronaca di un'invasione]]'' (''Earth: Final Conflict)'',<ref>{{imdb|titolo|0123816}}</ref> e ''[[Andromeda (serie televisiva)|Andromeda]]'' sono divenute realtà sotto la guida di Majel Barrett.<ref>{{imdb|titolo|0213327}}</ref> Una terza storia di Roddenberry è stata adattata nel [[1995]] per una breve serie di [[Fumetto|fumetti]], ''Gene Roddenberry's Lost Universe''.
 
Roddenberry e sua moglie Majel furono premiati dalla Space Foundation nel 2002 con il "Douglas S. Morrow Public Outreach Award", per i contributi e l'entusiasmo dimostrati verso l'esplorazione spaziale, mentre nel 2007 Roddenberry venne introdotto nella [[Experience Music Project and Science Fiction Museum and Hall of Fame|Science Fiction Hall of Fame]]<ref>{{cita web|url=https://web.archive.org/web/20071014112914/http://www.empsfm.org/press/index.asp?articleID=892|titolo=Science Fiction Hall of Fame to Induct Ed Emshwiller, Gene Roddenberry, Ridley Scott and Gene Wolfe|editore=empsfm.org|lingua=en|accesso=8 luglio 2014}}</ref> Infine, nel 2010, Gene Roddenberry venne introdotto nella Television Hall of Fame.<ref>{{cita web|url=http://www.emmys.com/video/seth-macfarlane-gene-roddenberry-hall-fame-2010|titolo=Seth MacFarlane on Gene Roddenberry|editore=Emmys.com|accesso=8 luglio 2014}}</ref>
 
== Filmografia ==