Giovanni Battista Doni: differenze tra le versioni

→‎Biografia: modifiche e brevi aggiunte al testo
(→‎Biografia: modifiche e brevi aggiunte al testo)
 
== Biografia ==
FiglioGiovanni Battista Doni, figlio di Francesco e Giustina Lapi del Tovaglia, fu battezzato il 13 marzo 1595.
 
Oltre allaStudiò musica, Doni studiò anche [[Grecia|greco]], [[retorica]], [[poesia]] e [[filosofia]] presso le [[università]] di [[Sapienza Università di Roma|Roma]] e [[università di Bologna|Bologna]]. Conseguì il titolo di dottore presso l'[[università di Pisa]] e fu quindi scelto per accompagnare il [[cardinale]] [[Neri Corsini (cardinale)|Neri Corsini]] nel [[1621]] a [[Parigi]], dove entrò in amicizia con [[Marin Mersenne]] e altre personalità letterarie.
 
Di ritorno a Firenze nel [[1622]], prese servizio presso il cardinale [[Francesco Barberini, Sr.|Francesco Barberini]] e lo seguì a Roma dove divenne segretario del [[Collegio dei Cardinali]]. Doni sfruttò i numerosi viaggi a cui il lavoro lo costrinse per acquisire conoscenze esaustive nel campo della musica antica. Fra le altre cose inventò - o ricostruì - una doppia [[Lira (strumento musicale)|lira]] che chiamò, in onore del suo patrono, ''Lyra Barberina'' o Anficorde.
 
Fu un uomo di eccezionale cultura e erudizione, frutto di appassionati studi. Estimatore e profondo conoscitore della musica e degli strumenti antichi, pubblicò a Roma il ''Compendio del Trattato de' generi e de' modi della musica'' e le ''Annotazioni sopra il Compendio de' generi e de' modi della musica,'' prosecuzione del precedente trattato''.'' Inventò - o ricostruì - una doppia [[Lira (strumento musicale)|lira]] che chiamò, in onore del suo patrono, ''Lyra Barberina'' o Anficorde.
Dopo la morte del fratello, ritornò a Firenze intorno al [[1640]], dove si sposò e si stabilì come docente della locale università.
 
Dopo la morte del fratello, ritornò a Firenze intorno al [[1640]], dove si sposò e si stabilì come docenteinsegnante della locale università.
 
Nonostante fosse uno scrittore prolifico, solo una parte delle sua opere vide la luce mentre era ancora in vita.
 
== Trattati ==